Ricette di cocktail, liquori e bar locali

10 trucchi mentali per ingannare te stesso e mangiare di meno

10 trucchi mentali per ingannare te stesso e mangiare di meno


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Usa piccoli piatti e ciotole

UN studio pubblicato nel gennaio 2012 nel Journal of Consumer Research ha scoperto che le persone tendono a servirsi molto meno in ciotole piccole rispetto a ciotole grandi. I ricercatori hanno teorizzato che ciò fosse dovuto all'illusione di Delboeuf in cui due cerchi della stessa dimensione sono posizionati uno vicino all'altro. Uno è circondato da un grande anello (pensa a un piatto grande) e l'altro è circondato da un anello più piccolo (pensa a un piatto piccolo). Questa illusione fa sembrare più piccolo il cerchio (cioè il nostro cibo) circondato dall'anello grande, quindi finiamo per servirci troppo.

Uno studio del 2006 ha anche scoperto che anche gli esperti di nutrizione si sono serviti (e hanno mangiato) più gelato quando hanno ricevuto stoviglie più grandi. Stranamente, quando questo esperimento è stato modificato in modo che le persone mangiassero in isolamento, la dimensione del piatto non ha avuto alcun effetto.

Assicurati che il tuo piatto o ciotola sia di un colore diverso dal tuo cibo

Il Journal of Consumer Research 2012 studio menzionato in precedenza ha anche scoperto che il colore delle stoviglie è importante. Maggiore è la differenza tra il colore del cibo e il colore del piatto, meno è probabile che i partecipanti si servissero eccessivamente. In altre parole, è meglio servire la zuppa di pomodoro in una ciotola bianca, poiché è più probabile che ti servirai troppo se la servi in ​​una ciotola rossa.

Abbina la tua tovaglia alle tue stoviglie

La ricerca sui consumatori studio ha riportato un terzo fattore che influenza il nostro controllo delle porzioni: il colore della tovaglia. Quando il colore della tovaglia corrispondeva al colore delle stoviglie, i partecipanti si sono serviti meno cibo. I ricercatori hanno ipotizzato che ciò fosse dovuto al fatto che l'abbinamento della tovaglia e delle stoviglie aiuta a eliminare l'effetto dell'illusione Delboeuf (vedi trucco numero 1) rendendo meno evidente le stoviglie (cioè il cerchio esterno dell'illusione Delboeuf).

Per gli attacchi di snack, scegli le confezioni da 100 calorie

Si scopre che quei pacchetti da 100 calorie confezionati singolarmente fanno davvero il trucco. Un 2011 studio pubblicato su Obesity ha scoperto che i partecipanti mangiavano il 25,2% in meno di calorie quando mangiavano da confezioni di snack da 100 calorie rispetto a sacchetti di snack più grandi. Questa strategia è stata particolarmente efficace con i partecipanti in sovrappeso, che in realtà hanno mangiato il 54,1 percento in meno quando hanno ricevuto le confezioni da 100 calorie.

Non mangiare davanti al computer o alla TV

Più siamo distratti, più mangiamo, secondo un 2007 studio pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition. I ricercatori hanno riferito che i partecipanti che mangiavano mentre giocavano al solitario si sentivano meno pieni dopo aver mangiato rispetto ai partecipanti che mangiavano senza distrazioni. I partecipanti al solitario hanno anche mangiato il doppio degli snack rispetto ai pazienti non distratti e hanno avuto più difficoltà a ricordare cosa mangiavano. Conclusione: allontanati dalla tua scrivania e prendi quella pausa pranzo da qualche altra parte: ti meriti comunque la pausa.

Tieni il cibo fuori portata

Convenienza e visibilità influiscono in modo significativo su quanto mangiamo, secondo un 2007 studio pubblicato sul Journal of Public Health. I ricercatori hanno creato tre condizioni di test: in una, un contenitore di "baci" di caramelle al cioccolato è stato posizionato sopra le scrivanie dei partecipanti; nella seconda il contenitore è stato collocato nel cassetto della scrivania dei partecipanti; e nel terzo, il contenitore era visibile ma collocato in modo scomodo su uno scaffale a 2 metri (circa 6,6 piedi) di distanza, costringendo i partecipanti ad alzarsi e ad abbandonare la scrivania per mettere le mani sul cioccolato. In media, i partecipanti con le caramelle sulla scrivania hanno mangiato 2,9 caramelle in più rispetto a quelli con le caramelle nel cassetto e 5,6 in più rispetto a coloro che hanno dovuto camminare per 2 metri per raggiungerli. Dal momento che sia la comodità che la visibilità hanno influito sul consumo di caramelle, sarebbe l'ideale tenere i tuoi snack fuori dalla portata e dalla vista.

Bevi da bicchieri alti

Un 2005 studio pubblicato sul British Medical Journal ha scoperto che le persone versavano dal 20 al 30 percento in più di alcol in bicchieri corti e larghi rispetto a quelli alti e stretti dello stesso volume. Quindi butta via quegli occhiali rock e investi in alcuni occhiali Collins.

Mangia con una forchetta più grande

Sembra ridicolo, ma un 2011 studio nel Journal of Consumer Research ha scoperto che i partecipanti che usavano forchette più grandi mangiavano significativamente meno dei partecipanti con forchette più piccole.

Immagina di mangiare il tuo cibo preferito

Mai sottovalutare il potere dell'immaginazione. Potresti pensare che pensare a mangiare ti farebbe mangiare di più, ma un 2010 studio pubblicato su Science ha riferito che in realtà mangiamo meno di un certo cibo dopo aver immaginato di mangiarlo. Questo non funziona se ti immagini semplicemente il cibo nella tua mente: richiede di pensare a mangiare il cibo specifico che stai per mangiare.

Questo fenomeno, hanno teorizzato i ricercatori, è il risultato dell'assuefazione. "In una certa misura, la semplice immaginazione di un'esperienza è un sostituto dell'esperienza reale", ha affermato Joachim Vosgerau, uno dei ricercatori. "La differenza tra l'immaginazione e l'esperienza potrebbe essere minore di quanto si pensasse in precedenza".

Tagliare il cibo in pezzi più piccoli

Il dipartimento di psicologia dell'Arizona State University ha rilasciato a studio due mesi fa, riferire che tagliare un cibo in pezzi più piccoli può indurre il nostro cervello a pensare che stiamo mangiando più di quello che stiamo, quindi mangiamo di meno.

I ricercatori hanno dato a 301 studenti universitari un bagel da 82 grammi ciascuno, non tagliato o tagliato in quattro pezzi. Dopo aver mangiato tutto il bagel che volevano, sono stati trattati con un pranzo gratuito che ha servito loro una quantità misurata di cibo. Gli studenti che hanno mangiato il bagel non tagliato hanno mangiato più calorie - dal bagel e dal pasto di prova messi insieme - rispetto agli studenti a cui è stato dato il bagel in quattro pezzi.

La prossima volta che mangi un panino, prova a tagliarlo in quattro pezzi. Allo stesso modo, un biscotto o una barretta di cioccolato possono essere spezzati in pezzi più piccoli: un compito facile con una barretta di cioccolato Hershey che è già stata modellata in più pezzi fragili.