Ricette di cocktail, liquori e bar locali

Sake: cinese grasso a casa da Sake

Sake: cinese grasso a casa da Sake


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Cinese grasso a casa da Sake

L'altro giorno, mio ​​marito mi ha mollato per andare a giocare a golf fuori città con mio padre. Quando è arrivato il momento di ordinare il pranzo, ho deciso di andare con il cibo asiatico poiché non è il preferito di mio marito, quindi potrei anche prenderlo mentre è via. Non ho intenzione di mentire, non avevo mai mangiato al Sake prima perché è piuttosto spaventoso dall'esterno. Non trasmette un senso di fiducia nel loro cibo quando guidi. Ma le recensioni su Yelp erano davvero buone e le foto sembravano gustose, quindi ci ho provato. BONUS: puoi ordinare e pagare online per la consegna che per qualcuno il cui telefono funziona a malapena nel suo appartamento è davvero fantastico. E consegnano bibite dietetiche che per qualche motivo mi hanno davvero solleticato quel giorno. Ho ordinato i gyoza, gli involtini di uova, il riso fritto di verdure, lo mein di verdure piccolo e il pollo in agrodolce. E sono pienamente consapevole che è una quantità enorme di cibo per una persona a pranzo. Adoro il fatto che offrano piccole dimensioni del loro riso fritto e lo mein. È ancora un importo davvero buono a soli $ 4,75 ciascuno e mi è durato diverse porzioni per due giorni di fila. Il cibo era esattamente quello che vuoi che il tuo locale, unto, locale cinese abbia un sapore. Il riso fritto di verdure era eccezionalmente buono. Non era per niente unta e conteneva grossi pezzi di verdura. L'unico oggetto che non mi interessava era il gyoza. Aveva un sapore sgradevole ed era piuttosto duro e gommoso, quindi ho finito per buttarli via. La mia unica lamentela su Sake riguardava il tempo impiegato per la consegna del mio ordine. Quando ordini e paghi online, scegli il tempo di consegna. Ho scelto le 11:30 e il mio cibo non si è presentato fino alle 12:30 circa. Alla fine ho chiamato dopo aver aspettato mezz'ora e ho chiesto lo stato del mio ordine e mi è stato detto che avrebbero chiamato l'autista e controllato, ma non ho mai ricevuto risposta. Se ordino di nuovo la consegna da loro, presumo che ci vorrà un'eternità e imposterà i tempi di consegna in anticipo, ma sarebbe bello se si presentassero più vicino all'orario richiesto. Il prezzo, la facilità di ordinazione, la selezione (hanno un menu giapponese, cinese e sushi) e il gusto fanno di Sake un ristorante in cui mangerei di nuovo e lo consiglierei. Non è niente di speciale, ma è cibo cinese perfettamente soddisfacente e non ti fa sentire come la morte il giorno dopo come molti ristoranti cinesi eccessivamente grassi possono fare.


Come fare il sake [Vino di riso fermentato]

Divulgazione: Questo post può contenere link di affiliazione. Ricevo una piccola commissione senza alcun costo per te quando effettui un acquisto utilizzando il mio link.

Sakė è un vino di riso giapponese che è stato inizialmente prodotto in molte parti dell'Asia prima di stabilirsi definitivamente in Giappone come sua casa naturale. Il processo di creazione del Sakė giapponese è piuttosto intrigante e questo è ciò che si aggiunge al fascino magico di questa bevanda. Sakė è sia un drink che il finestra nella ricca cultura giapponese.

Gli stessi giapponesi credono che Sakė sia il bevanda degli dei e ha un posto importante nella credenza shintoista. In molte famiglie, nei giorni festivi, le persone mettono piccole coppe di Sakė davanti ai santuari domestici. E durante i matrimoni, gli sposi si scambiano Sakė per simboleggiare il "suggello" del matrimonio.

All'inizio, Sakė non era la bevanda alcolica chiara (con una gradazione alcolica del 15-17%) prodotta oggi. Era invece una bevanda densa, lattiginosa o giallastra riservata ai sacerdoti e ai nobili. Negli ultimi duecento anni, la produzione della birra Sakė ha subito enormi cambiamenti ed è diventata la bevanda universale disponibile quasi ovunque.

Tipi di sake

Chiedi a qualcuno cosa sanno del Sakė giapponese e la risposta sarà prontamente "è un tipo di vino di riso". La descrizione può essere in parte vera perché Sakė stesso significa una combinazione di alcol e vino di riso noto come Nihonshu.

A seconda della tecnica di birrificazione e del tipo di riso utilizzato, si hanno cinque tipi di Sakė: Junmai-shu, Honjozo-shu, Ginjo-shu, Daiginjo-shu e Namazake.

cuore solido cuore solido icona


Ricette Hibachi fatte in casa (ricette giapponesi Steakhouse e Benihana Copycat per cena Hibachi a casa)

Adoro fare queste ricette hibachi facili e veloci a casa! Gustoso Stile steakhouse giapponese i piatti hibachi fatti in casa sono davvero veloci da mettere in tavola per fantastiche cene hibachi in famiglia tutte le sere della settimana!!

Se sei un super fan di Benihana come lo è la mia famiglia, lo farai assolutamente amore anche ognuna di queste ricette! Quindi provali e fammi sapere quali sono i tuoi preferiti!

Hai una griglia Blackstone?? Il mio adorabile marito ha appena aperto e assemblato la mia nuova griglia e non potrei essere più felice!!

Questo deve essere il la cosa più bella di sempre per una grigliata hibachi migliore del ristorante! Inoltre sono entusiasta di avere un'opzione per grigliare all'aperto per evitare che la cucina si surriscaldi in estate.

C'è un altro vantaggio nel preparare la cena hibachi a casa, come puoi salta i prezzi del buffet hibachi. Tutto ciò di cui hai bisogno per creare un intero menu hibachi è proprio qui!

La mia fissazione con le ricette Benihana ha raggiunto il massimo storico quando le loro ricette sono state elencate sul sito web di Benihana. Alcune di queste ricette che condivido qui sono le vere ricette autentiche, proprio come condiviso online nei primi anni 2000. Godere!!


In cosa differiscono il sake e la cottura del sake?

Il sake e il sake che vengono utilizzati per cucinare (denominato sake da cucina) sono entrambi prodotti in modo simile, con l'eccezione che il sake da cucina tende a utilizzare riso che ha un rapporto di lucidatura più alto, o uno che è lucidato meno in modo da avere un aspetto più audace, sapore di riso. La cottura del sake ha spesso una gradazione alcolica inferiore e ha l'ingrediente aggiunto del sale.

Sebbene sia il sake di qualità da bere che il sake da cucina possono essere usati come ingrediente per cucinare, consiglio di usare un sake con un sapore di qualità decente (in altre parole semplicemente non usare il sake da bere più economico), in modo che conferisca un buon sapore al cibo .

Ecco alcuni esempi di ricette che utilizzano il sake come ingrediente. Segui i link per la ricetta.


Fare il sake

Quando si prepara il sake, il primo ingrediente da considerare è l'acqua, che è qualcosa che tutti conosciamo. L'acqua utilizzata per fare il sake deve soddisfare gli stessi requisiti che valgono per la birra: pulita, di buon sapore e priva di cloro. Se l'acqua utilizzata per il sake soddisfa tali requisiti, sarà necessario un aggiustamento minerale minimo (ne parleremo più avanti).

Il riso, ovviamente, è l'alimento base di tutta l'Asia. Il Giappone non esporta, in nessun caso, il proprio riso, quindi ottenere riso per sake Yamada Nishiki genuino è fuori questione anche per il più grande produttore di sake del Nord America. Fortunatamente, gli Stati Uniti coltivano riso ibrido di qualità eccellente a chicco medio. Il mio preferito è il riso per sushi Kokuho Rose, che viene coltivato in California, ma qualsiasi riso a grana medio-corta su cui puoi mettere le mani produrrà sakè fatto in casa molto rispettabile.

Il riso per fare il sakè deve essere macinato (lucidato) per rimuovere la lolla, il germe e la crusca. Questo causa un paio di problemi quando si tratta di fare una bevanda fermentata con i cereali. Innanzitutto, senza queste parti il ​​riso non può essere maltato, quindi come può il lievito ottenere gli zuccheri semplici di cui ha bisogno per fermentare il nostro sake?

La risposta è koji. Una piccola porzione del riso usato per fare il sake viene incubata con le spore di un ceppo di muffa molto specifico chiamato Aspergillus oryzae. Questo stampo è noto per la sua capacità di creare molti enzimi amilasi, gli stessi enzimi di cui abbiamo bisogno per abbattere i nostri amidi di riso e renderli disponibili per il lievito. Koji si rivelerà molto probabilmente il prodotto più difficile da trovare. I negozi di alimentari asiatici nella tua zona possono rifornire Cold Mountain Rice Koji accanto al miso nel loro frigorifero. Se non riesci a trovare quel prodotto, puoi ordinare koji-kin (spore di koji) da Vision Brewing (http://www.visionbrewing.com) e produrre il tuo koji.

Il secondo problema è che il riso brillato è molto povero di nutrienti di cui il lievito ha bisogno per una sana fermentazione, in particolare magnesio e potassio. Per questo motivo, la ricetta in fondo a questo articolo richiede alcuni sali e sostanze nutritive per il lievito di birra, che sono disponibili presso il tuo negozio di forniture per la birra o il tuo negozio di alimentari locale. Questi ingredienti non sono necessari - puoi fare il sakè senza di loro - ma non sono costosi e ometterli rallenterà la fermentazione e altererà il sapore del sakè finito.

Poi c'è l'ingrediente finale: il lievito. Wyeast WY3134 Sake #9 è la mia scelta. In effetti, è il secondo ceppo di lievito più comunemente usato dai produttori di sake professionisti di tutto il mondo. White Labs produce anche il lievito per sakè WLP705, disponibile ogni anno a settembre e ottobre. Qualsiasi lievito per vino bianco neutro è anche un sostituto accettabile.

Equipaggiamento buono per andare?

L'elenco dell'attrezzatura richiesta è sorprendentemente breve e la maggior parte di essa è probabilmente già presente nel kit di equipaggiamento dell'homebrewer medio. Avrai bisogno di una canna da scaffale, tubi in vinile, camere d'aria, tappi a un foro e un fermentatore di secchi di plastica, che probabilmente sono già nel tuo inventario. Oltre all'attrezzatura di base per la produzione di birra fatta in casa, avrai bisogno anche di alcuni pezzi di attrezzatura specializzata molto economica:

• Un piroscafo. I cestini per la cottura a vapore in bambù a più livelli sono comunemente disponibili e a buon mercato. Devono essere rivestiti con uno strato di garza per cuocere a vapore il riso con loro. Per una cottura uniforme, non provare a cuocere a vapore più di due livelli di riso alla volta.

• Brocche di vetro da un gallone. Questi serviranno come fermentatori secondari e recipienti di chiarificazione. Suggerisco di averne almeno quattro per facilitarne la rotazione.

• Una piccola pressa per frutta. Questo accorgimento, pur non essendo necessario, renderà molto più facile la successiva spremitura del sake dalle fecce di riso. Se ne possiedi uno, usalo. Se non ne possiedi uno, puoi farla franca usando le mani per premere le fecce in un sacchetto di nylon per filtrare la vernice.

Come è fatto il sake?

Il processo stesso è dove gli homebrewer sono tentati di prendere scorciatoie. A prima vista sembra molto complesso, laborioso e intimidatorio. Non è davvero così male! Aiuta a pensarla come una birra all-grain, ma con il mosto e la fermentazione che avvengono contemporaneamente per un periodo di tempo più lungo. Come qualsiasi altro compito complesso, aiuta a suddividere le cose in passaggi e il sakè ha tre passaggi principali con solo uno con una serie di passaggi secondari:

1. Moto. Questo è un lievito madre. La tradizionale tecnica yamahai moto si basa sull'utilizzo di batteri Lactobacillus per acidificare il mosto a questo punto, motivo per cui la pastorizzazione è importante in seguito. Il pH basso aiuta a proteggere il sake in fermentazione dal deterioramento.

2. Moromi La fermentazione primaria, ma per ottenere una fermentazione completa il mosto deve essere costruito in più fasi, con ogni fase che raddoppia la quantità totale del mosto:

un. Hatsuzoe. Prima aggiunta di koji, acqua e riso.
B. Nakazoe. Seconda aggiunta.
C. Tomezo. Aggiunta finale.

3. Yodan La fase di stabilizzazione in cui il nigorizake (sakè torbido) viene separato da ciò che rimane del riso dopo che la fermentazione è quasi completa. L'acqua può essere aggiunta per diluire la gradazione alcolica e il sakè può essere raffinato o filtrato per chiarificare.

Un ultimo punto della preparazione del sake che deve essere affrontato è il controllo della temperatura. I giapponesi hanno una lunga tradizione di produzione di sake solo nei mesi invernali, più o meno allo stesso modo dei birrai tedeschi. Questo è il metodo “kan-zukuri” o “infusione a freddo”. Con le moderne apparecchiature di refrigerazione, rispettare l'orario tradizionale non è strettamente necessario, ma per l'homebrewer con un budget limitato può essere d'aiuto.

Fare il sake richiede frequenti agitazioni, il che significa un fermentatore aperto, quindi mantenere la temperatura di fermentazione il più vicino possibile a 50 ºF (10 ° C) durante la fermentazione primaria è necessario per evitare che il sake diventi troppo acido a causa dell'attività incontrollata di Lactobacillus.

Riso al vapore

Il riso deve essere cotto per gelatinizzare il suo amido prima che possa essere usato per fare il sake. Quando si ha a che fare con grandi volumi di riso, il metodo di cottura preferito è la cottura a vapore. Ci sono alcune ragioni per questo, ma tutto si riduce alla facilità di gestione. È molto più facile cuocere a vapore un grande volume di riso piuttosto che cuocerlo a fuoco lento, e il chicco di riso cotto risultante è molto più solido e meno appiccicoso del riso bollito, con il risultato di grumi che sono molto più facili da rompere. La cottura a vapore inoltre volatilizza e rimuove molto dei grassi che sono ancora presenti all'esterno del chicco di riso, ottenendo un sakè dal sapore più delicato.

Il procedimento per cuocere il riso è abbastanza semplice.

1. Lavare accuratamente il riso in acqua fredda finché il deflusso non è più torbido.

2. Metti il ​​riso sciacquato in una grande ciotola e aggiungi abbastanza acqua fredda da coprirlo di circa tre pollici. Mettilo in frigorifero a macerare per 8-12 ore, durante la notte va bene. Durante questo periodo il riso assorbirà l'acqua che effettivamente lo cucinerà durante la cottura a vapore, quindi è importante inserire la giusta quantità di acqua nel chicco. Il riso adeguatamente imbevuto è solo leggermente meno croccante e si rompe facilmente, ma non è morbido.

3. Dopo l'ammollo, lascia scolare il riso in uno scolapasta per mezz'ora mentre prepari il resto dell'attrezzatura per la cottura a vapore.

4. Metti il ​​riso sgocciolato in un piroscafo di bambù rivestito con una garza (o qualunque tipo di piroscafo tu possiedi), copri e cuoci a vapore per 45 minuti. Tieni d'occhio il livello dell'acqua nel piroscafo durante questo lungo tempo di cottura a vapore e aggiungi acqua se necessario.

Passo dopo passo: come fare il sake

A partire dalla moto, un lotto base di sake richiede circa sei settimane per essere completato. Ci sono molti passaggi nel processo, quindi aiuta a mantenere una lista di controllo e un calendario. Ecco i passaggi fondamentali, scomposti, per fare il sake secondo la ricetta alla fine di questa storia.

1. Prepara 2,5 tazze (591 ml) di acqua fredda aggiungendo 0,75 cucchiaini di nutriente per lievito e un pizzico di sale di Epsom. Mescolare fino a quando non si è sciolto, quindi aggiungere 0,5 tazza di koji. Coprire il contenitore e conservarlo in frigorifero per una notte.

2. Nel frattempo, sciacquare 1,5 tazze di riso e coprire con 2 o 3 pollici di acqua. Metti questo vicino al koji nel tuo frigorifero e lascialo in ammollo anche per una notte.

3. La mattina seguente, scolare e cuocere a vapore il riso ammollato. Dopo la cottura a vapore, sformare e mescolare il riso caldo con il koji freddo e la miscela di acqua nel fermentatore igienizzato, usando le mani pulite (sì, le mani sono lo strumento migliore per il lavoro qui) per mescolare e assicurarsi che tutti i grumi di riso sono rotti. La temperatura della miscela scenderà nell'intervallo 75–80 ºF (24–27 °C). Lascia che questa miscela rimanga a una temperatura ambiente di circa 21 °C (70 ºF) per due giorni, mescolando due volte al giorno con un cucchiaio igienizzato. Nelle prossime 48 ore il koji farà la sua magia e il riso si liquefarà quasi completamente.

4. Dopo che i due giorni sono trascorsi, raffreddare il riso e il purè di koji fino a raggiungere la temperatura più vicina possibile a 10 °C, quindi aggiungere il lievito per il sakè. Mantieni il mosto a questa temperatura fresca per le prossime 12 ore.

5. Una volta trascorse le 12 ore, è il momento di lasciare che la temperatura ritorni all'intervallo di 21 °C (70 ºF) in modo che la fermentazione dell'avviatore possa svolgersi il più rapidamente possibile. Mescola il mosto con un cucchiaio igienizzato due volte al giorno per i prossimi tre giorni, poi una volta al giorno per tre giorni dopo.

6. La fermentazione di base del moto è completata dopo nove giorni. La temperatura dovrebbe essere nuovamente abbassata a 50 ºF (10 °C) e la moto dovrebbe riposare per altri cinque giorni. Dopo questi cinque giorni, la moto diventa pronta per l'accumulo di moromi.

Moromi

Per garantire una fermentazione completa, è meglio non aggiungere tutto il riso e il koji in una volta. Proprio come per sciroppare un vino, l'aggiunta graduale dei fermentescibili induce il lievito ad andare oltre la normale tolleranza all'alcol. Riso, koji e acqua vengono aggiunti tre volte in un periodo di quattro giorni.

Hatsuzoe

1. La prima aggiunta di riso sarà di 2,5 tazze, che devono essere risciacquate e coperte con acqua per ammollo dodici ore prima di pianificare la cottura a vapore. Mentre sciacquate il riso, aggiungete 1 tazza di koji alla moto.

2. La mattina dopo, cuocere a vapore il riso per questa aggiunta. Durante la cottura a vapore, sciogli 1,25 cucchiaino di sostituto del sale Morton in un po' di acqua tiepida (questa è l'unica volta che ti servirà per farlo), quindi aggiungi abbastanza acqua fredda per ottenere un totale di 2,75 tazze (651 ml). Metti questo in frigorifero a raffreddare fino a quando il riso non è pronto.

3. Dopo che il riso ha finito di cuocere a vapore, sformarlo e mescolarlo con l'acqua fredda del passaggio due. Usa le mani pulite per rompere tutti i grumi e poi, quando la temperatura del riso scende sotto i 29 °C, mescolalo nella moto. La temperatura della poltiglia di moromi dovrebbe stabilizzarsi da qualche parte nell'intervallo 70-74 ºF (21-23 °C). Mantieni il mosto a temperatura ambiente e mescola ogni 2 ore per le successive 12 ore, quindi due volte al giorno per le successive 36 ore.

Nakazoe

1. La sera del giorno dopo aver iniziato il passaggio hatsuzoe, prepara 6 tazze di riso per la cottura a vapore. Allo stesso tempo, mescola 1,5 tazze di koji nella poltiglia di moromi.

2. Cuocere il riso a vapore la mattina successiva come al solito, quindi sformare e aggiungere 8,75 tazze di acqua ben fredda. Mescolate bene e, come prima, aggiungetelo al moromi quando il riso sarà sufficientemente freddo.

Tomezoe

1. Immediatamente dopo il passaggio due di nakazoe, lascia riposare il moromi a temperatura ambiente per dodici ore, quindi aggiungi tutto il koji rimanente (20 once). Successivamente, lavare e immergere tutti i restanti 5 chili di riso per l'aggiunta finale.

2. La mattina seguente, scolare e cuocere a vapore il riso ammollato. Se necessario, lavora a lotti, questo è un sacco di riso anche per il più ambizioso dei piroscafi. Il riso appena cotto a vapore dovrà essere mescolato con 1 gallone più 1 tazza (237 ml) di acqua fredda prima di essere aggiunto al moromi.

3. Lascia riposare il moromi, ora a quasi 4 galloni (15 L), a temperatura ambiente per una notte. Puoi osservare gli odori o “fermento danzante,”, che è la versione del sake’ dell'alto kräusen con cui gli homebrewer hanno familiarità.

Ora che il moromi si è formato e la fermentazione è a buon punto, è tempo di abbassare la temperatura. Sposta il fermentatore in un luogo che lo mantenga il più vicino possibile a 10 °C (50 ºF) e lascialo fermentare indisturbato per le prossime tre settimane.

Yodan

Quando la fermentazione si avvicina alla fine, non sarebbe una cattiva idea tenere d'occhio il peso specifico. Una volta che la gravità è scesa sotto 1.000, è il momento di separare il sake dalle fecce di riso (chiamato kasu). Usa un bastone da travaso per travasare il nigorizake torbido da sotto il tappo galleggiante di kasu e in caraffe di vetro sterilizzate da un gallone fino a quando non riesci più a prelevare altro liquido. Le cose tenderanno a intasarsi qui, e va bene, puoi semplicemente versare il liquido rimanente e il kasu in un sacchetto di nylon e usare le mani o un piccolo spremifrutta per estrarre quanto più sakè possibile. L'aerazione non è una grande preoccupazione qui perché c'è ancora un po' di fermentazione attiva in corso per aiutare a ripulire le cose, ma cerca di mantenere le cose igieniche e gli schizzi al minimo.

Secondario, Chiarificante, Stagionatura e Confezionamento

Ora dovresti avere circa tre galloni di nigorizake bianco lattiginoso con una gradazione alcolica compresa tra il 18% e il 22% in volume. Metti tappi e camere d'aria sui fermentatori secondari e mantienili a 10 °C (50 °F) in modo che possano finire la fermentazione. In un paio di settimane le particelle di riso torbide si depositeranno in un soffice strato bianco di sedimento sul fondo di ogni brocca e potrai semplicemente trasferire il sakè trasparente in un altro recipiente igienizzato.

A questo punto del processo, avrai un sake giallo pallido che non è più lattiginoso, ma non può essere definito chiaro. Per renderlo brillantemente chiaro (e in gran parte incolore), i produttori commerciali di sake utilizzano filtri a carbone attivo. Per gli homebrewer, invece, prendi una pagina dal libro di vinificazione: bentonite. Usato in un rapporto di 1/2 cucchiaino per gallone (3,8 L), i chiarificanti di bentonite rimuoveranno la maggior parte della foschia dal sakè fatto in casa in pochi giorni.

Per usare la bentonite, inizia con 8 once fluide (237 ml) di acqua molto calda e sbatti lentamente in 1,5 cucchiaini di bentonite granulare. Una volta che è diventato un impasto liquido, dividilo uniformemente tra i tuoi contenitori di sakè nebuloso, copri e agita delicatamente per distribuirlo. In circa tre giorni, tutta la bentonite si sarà assestata, portando con sé quasi tutte le particelle di foschia.

Già che ci sei, non c'è motivo per cui non puoi stabilizzare il sakè pastorizzandolo subito dopo aver aggiunto i chiarificanti. È molto facile da fare. Metti la tua brocca di sakè in una pentola abbastanza grande da contenerla più un bagno d'acqua, quindi aggiungi abbastanza acqua tiepida (per evitare di urtare il bicchiere) per arrivare alla spalla della brocca (o alla pentola se la brocca è molto più alta di la pentola). Posizionare un termometro lungo il collo della nave e applicare calore. Guarda attentamente il termometro e quando raggiunge i 140 ºF (60 °C), rimuovi il sakè dal bagnomaria, estrai il termometro e chiudi bene il sakè. Lasciare raffreddare completamente il sake pastorizzato prima di metterlo in frigorifero.

Una volta pastorizzato, puoi far maturare il sake in questo modo fino a sei mesi prima di travasare in bottiglie più piccole e ripastorizzare. Il sake chiarificato e doppiamente pastorizzato ha una durata di conservazione fino a un anno a temperatura ambiente e notevolmente più lunga se conservato in frigorifero e al riparo dalla luce.

Conclusione

Una volta che conosci la tecnica, dove trovare gli ingredienti e disponi di un paio di attrezzature poco costose, fare un lotto di sake può essere gratificante. Ingredienti della ricetta del sake

10 libbre. (4,5 kg) di riso bianco a grana corta
40 once. (1,13 kg) Koji di riso freddo di montagna (2 x 20 oz. vaschette)
2 galloni. (7,6 L) di acqua fredda
0,75 cucchiaini. lievito di birra nutriente
1 pizzico di sale Epsom (solfato di magnesio — MgSO4)
1,25 cucchiaini. Sostituto del sale di Morton (contenente cloruro di potassio - KCl)
1 confezione di Wyeast Sake #9 Lievito


Come puoi fare il sake a casa?

Ci sono un sacco di modi per farlo, ma alcuni sono più popolari di altri. Ti forniremo due metodi per farlo, entrambi finiranno per diventare vini fantastici, anche se le ricette sono molto diverse.

1. “La ricetta perfetta per il sake al vino di riso”

Non lasciarti ingannare dal nome. Il risultato sarà più o meno lo stesso degli altri. Ma è una delle ricette più semplici in circolazione, e anche se è solo la prima volta che fai il sakè, sarai in grado di farlo.

Ingredienti:

Opzionale:

Come fare il sakè:

Lavare il sake di riso

Per prima cosa, devi lavare il sake di riso. Mettilo in un colino, se possibile, e fai scorrere l'acqua del rubinetto fino a quando l'acqua che esce è completamente limpida. Assicurati di non perdere nessuna parte poiché una partita sporca di riso può rovinare il tuo sakè.

Aggiungere l'acqua bollita

Dopodiché, devi mettere il riso in una pentola e versarci sopra dell'acqua bollente. Il livello dell'acqua dovrebbe essere almeno 2-3 centimetri sopra il riso per assicurarsi che tutto abbia abbastanza umidità e calore. Una volta che hai finito, devi coprire la pentola e lasciarla riposare per 60 minuti.

Sforzo

Quando il tempo è scaduto, è necessario scolarlo con un setaccio, quindi cuocerlo a vapore. Questo processo è più semplice di quanto pensi. Prendete una pentola, riempitela a metà e metteteci sopra il filtro. Copritelo (non troppo stretto) e lasciatelo per 25 minuti. Probabilmente dovrai farlo in lotti più piccoli per completare l'intero chilogrammo di riso, ma per rendere il processo più veloce, puoi usare una pentola a vapore.

Una volta terminato l'intero lotto, dovrai provare un po '. Dovrebbe essere delicato e leggermente dolce. Se questa descrizione si adatta, devi cuocere per altri 5-10 minuti, in modo che il riso inizi a sfaldarsi lentamente. Quando ciò accade, è necessario coprire una teglia con una teglia e versarvi sopra il riso in modo uniforme.

Sakè fresco

Fate raffreddare, poi spalmateci sopra il lievito in modo uniforme. Una volta che hai fatto tutto questo, devi mescolarlo. Assicurati che il lievito arrivi ovunque perché se non lo fa, il tuo sakè si rovinerà abbastanza rapidamente.

Successivamente, metti il ​​riso in un contenitore di fermentazione di vetro, plastica o smalto. Mettilo in una stanza buia dove la temperatura è sempre intorno ai 20-28 °C. Quindi lasciarlo per 30 giorni. Sì, ci vuole molto tempo, ma pagherà.

Sforzo

Quando il tempo è scaduto, devi sforzarti. Prendi una garza e posizionala sul bordo del contenitore. Lascia che tutto fuoriesca e, una volta che ogni goccia è uscita dal composto, cambia il contenitore in cui lo stai mettendo. Volete un bicchiere diverso per il bene che premete. Tenere la garza e spremere il resto dell'umidità. Questo è un diverso tipo di sake.

Il primo tipo è di migliore qualità, va bevuto freddo e fresco.

Il secondo è da bere caldo e può essere conservato per un po'.

2. “La ricetta improvvisata per il sake”

Questo è il migliore per coloro che non vogliono misurare temperature e quantità di ingredienti. Questa ricetta sarà una manna dal cielo se hai intenzione di fare il sakè perché “perché no?”.

Ingredienti:

Opzionale:

Come fare:

Cuocete il riso, in modo che diventi liscio e morbido. Filtrare l'acqua di conseguenza. Se vuoi un sakè con una gradazione alcolica inferiore, tieni più acqua nella miscela, se ne vuoi di più, filtra il più possibile.

Versatela in un contenitore e mescolate aggiungendo lo zucchero semolato. Questo può essere quasi qualsiasi importo, ma assicurati di metterci almeno il 5% del peso del riso sotto forma di zucchero. Se non ne metti abbastanza, la fermentazione non sarà sufficiente e rimarrai con una strana miscela che non è adatta per mangiare o bere.

Mettilo in un contenitore ermetico e lascialo riposare per almeno una settimana. Se lo lasci fermentare più a lungo, potrebbe avere o meno un effetto migliore, ma la maggior parte dei sake tende a essere fatta dopo una settimana. Lasciarlo più a lungo farà in modo che sia completamente preparato, tuttavia, quindi se hai una mentalità “meglio prevenire che curare”, allora dovresti lasciarlo riposare.

Il filtraggio finale è lo stesso della “ricetta perfetta.” Usa una garza e separa il sake versato da quello spremuto.


Cosa posso sostituire per sake nelle ricette?

Il sake è un alcol giapponese a base di riso fermentato. Scopri cos'è il sake, come usarlo e cosa puoi usare come sostituto di questa bevanda alcolica giapponese.

Il sake è una bevanda tradizionale giapponese a base di riso fermentato. Vanta un sapore leggermente dolce e una gradazione alcolica più elevata rispetto alla maggior parte dei vini (ABV dal 15% al ​​20%). Anche se delizioso da sorseggiare con un pasto, il sake viene spesso utilizzato in marinate, salse, zuppe e altre ricette per aggiungere profondità al sapore delicato e intenerire le carni.

Tuttavia, se ti ritrovi a voler fare una ricetta che richiede il sakè, ma non vuoi correre al negozio per prenderne un po' (o hai problemi a trovare il sakè nel tuo negozio di alimentari locale o nel mercato asiatico), un vino bianco fortificato, come vermouth, farà il trucco.

Mangiare sano dovrebbe comunque essere delizioso.

Puoi anche usare il vino di riso cinese o lo sherry secco se la ricetta richiede solo una piccola quantità (da 1 a 2 cucchiai) di sakè. Oppure, se vuoi lasciare l'alcol fuori dall'equazione, puoi sostituire l'aceto di vino di riso mescolato con acqua o succo d'uva bianca per il sakè in un rapporto da 1 a 3 parti. Ad esempio, se una ricetta richiede 1/4 di tazza di sake, sostituirei 1 cucchiaio di aceto di vino di riso mescolato con 3 cucchiai di acqua o succo.


  1. Raccogli gli ingredienti. Tagliare lo zenzero a fettine sottili. Tagliare a metà o in terzi la parte bianca dei cipollotti. Sbucciare i guanti all'aglio.

    Cospargere uniformemente ¼ di cucchiaino di sale kosher sul lato interno del blocco di pancetta di maiale e massaggiare delicatamente. 3 Quindi arrotolare il blocco di pancetta di maiale su un tronco (come illustrato). Usa dello spago da cucina per fare prima un doppio nodo all'estremità del tronco (lo spago dovrebbe essere ad almeno 1 pollice dal bordo del tronco). Quindi avvolgere di nuovo lo spago e fare un altro nodo. Quindi avvolgere strettamente lo spago da cucina attorno al tronco, lasciando non più di 1 pollice (

  1. Scaldare 2 cucchiai di olio vegetale in un forno olandese a fuoco medio-alto. 5 Aggiungi l'intero tronco di pancetta di maiale alla pentola. Rosolare un lato del ceppo alla volta fino a quando tutti i lati sono ben dorati (a causa del calore elevato, utilizzare uno schermo antispruzzo per evitare che l'olio schizzi). Questo passaggio dovrebbe durare circa 12 minuti.

  1. Trasferire il log di maiale scottato su un piatto. Versare l'olio rimasto nel forno olandese. Mantieni il fuoco a medio-alto, quindi aggiungi di nuovo la pancetta di maiale insieme al resto degli ingredienti allo stesso tempo: fettine di zenzero, parti di cipolla verde, guanti d'aglio interi, 1 tazza di mirin, 1 tazza di salsa di soia, 1 tazza di sake , 2 cucchiai di zucchero e circa 2 tazze d'acqua (se usi un blocco di pancetta di maiale non arrotolato, inizia con 1 tazza d'acqua). Mescolare bene. La pancetta di maiale deve essere immersa almeno per metà nel liquido. In caso contrario, aggiungere altra acqua fino a quando il ceppo non è immerso per metà.

  1. Coprire e guardare da vicino. Quando il liquido inizia a bollire, togliere il coperchio. Se inizia a formarsi della schiuma, scremare con una schiumarola. Accendi il fuoco a medio-basso per mantenere il bollore. Quindi mettete il coperchio di vetro 6 e ruotate la carne ogni 30 minuti circa per permettere al ceppo di cuocere uniformemente nel liquido. Brasare la carne per circa 2 ore facendo in modo che venga sempre mantenuta la sobbollizione.

  1. Trascorse le 2 ore, spegnete il fuoco. Trasferisci il ceppo Chashu su un piatto per farlo raffreddare. Molto probabilmente il liquido è stato ridotto a metà o ¼ della quantità originale. Se è rimasta più della metà del liquido aromatizzato, alza la fiamma per portare il liquido a ebollizione. Quindi lasciare il forno olandese scoperto per circa 5 minuti per consentire al liquido di addensarsi un po'.
  1. Una volta che il ceppo di Chashu si sarà completamente raffreddato, sarà molto più facile tagliarlo. Tuttavia, è meglio immergere il ceppo di Chashu nel liquido rimanente (filtrare i solidi e il grasso solidificato se possibile) e refrigerarli insieme in un contenitore di vetro durante la notte. Questo indurisce ulteriormente la forma del tronco e consente di assorbire più sapori nella carne. Il ceppo sarà anche molto più facile da affettare dopo essere stato in frigo tutta la notte.

    Per servire, imposta una griglia a temperatura elevata. Tagliare il ceppo Chashu nel numero desiderato di fette di non più di ¼ di pollice (

  1. Cuocere il Chashu per 1-2 minuti fino a quando la superficie è leggermente scottata. Osserva attentamente il processo di cottura alla griglia per evitare di bruciare il Chashu. In alternativa, puoi usare una torcia a propano per scottare il Chashu.

  1. Servi le fette di Chashu con spaghetti Ramen giapponesi, riso o prepara un sandwich di maiale Chashu giapponese. Sarà ottimo con qualsiasi cosa! Il rimanente maiale Chashu può essere conservato con il liquido per una settimana in frigorifero. Il liquido può essere utilizzato anche per preparare uova ramen o mescolato con noodles o riso per aggiungere sapore.

Buon appetito


Cardi cinesi facili e veloci stile Chiu Chow

Cockles are sometimes called blood clams because the liquid that the raw (or lightly blanched) bivalves release when opened is dark red. They look similar to clams, except that cockle shells have deep, narrow ridges that radiate out from the hinge.

Cockles aren't that easy to find in fish markets. If you can't get them, substitute small clams.

To clean cockles, start by giving them a good rinse in a colander. Keep them in the colander and prepare two bowls of water: one for washing the cockles, and a second one of salted water (75g [¼ cup and 2tbsp] of sea salt dissolved in 1½ litres [1½ quart] of water) to put the scrubbed cockles into so that they can purge themselves of any mud in the shells.

Use a stiff toothbrush to clean the cockles, occasionally dipping them and the toothbrush into the first bowl of water to rinse away mud (change the water in this bowl whenever it becomes dirty). When each cockle is cleaned, place it into the bowl of salted water. Discard any cockles with broken shells.

Once all the cockles have been cleaned, leave them in the salted water for several hours so they can spit out the mud in the shells. If the water becomes dirty, drain the cockles, rinse out the bowl, then add fresh water and salt in the same amounts as before.

When cooked briefly, cockles often remain tightly closed, unlike clams and mussels, which open when heated. These cockles are blanched for only 30-60 seconds, so they are still basically raw. They should not be eaten by the very young or the very old, or by anyone else with a compromised immune system. And as with all seafood, buy your cockles from a reputable supplier.

Don't be surprised at the use of fish sauce in this recipe - it's a common ingredient in Chiu Chow cuisine. This sauce is also delicious poured over raw shrimp: cut each shrimp down its back and remove the vein, but keep the shells on. Marinate the shrimp for a couple of hours in the fridge.


Tips for Healthy Drinking from a Japanese Sake Journalist

TOKYO, JAPAN, April 8, 2021 /EINPresswire.com/ — The Japanese Guide to Healthy Drinking: Advice from a Sake-Loving Doctor on How Alcohol Can Be Good for You by Kaori Haishi is the title of the English translation of a book originally written in Japanese and published by Nikkei Business Publications, Inc. The English version was issued by UK publisher Little, Brown Book Group in December 2020.

Healthy drinking tips based on the latest medical evidence show how to be free from hangovers and illness!

As an old Japanese proverb puts it, “alcohol tops the list of a hundred medicines,” and those who drink some alcohol will live long lives. Many people who drink, however, care about their health checkup data, such as GGT, neutral fat and uric acid levels, as they age.

Is drinking good or bad for one’s health? It is a well-known fact that too much alcohol increases the risk of cancer and other fatal diseases. We all want enjoy drinking while staying healthy.

In this book, a Japanese sake journalist interviews 25 medical practitioners and experts to discover healthy drinking habits. Recommendations include:

・ Eat “oily food” first to avert hangovers.
・ Drink Japanese sake to ease chronic disease.
・ Eat fermented food to avoid hangovers.
・ The bitterness of beer helps to prevent dementia.

The book guides readers to self-care, clarifies the mechanism of how drinking gives rise to chronic diseases and offers trivia on healthy drinking.

Author Kaori Haishi is an essayist and journalist who focuses on the topic of liquor. She visits sake breweries nationwide, writes columns and makes comments in the media. At the same time, with the idea of “pairing sake and cooking,” she gives lectures, undertakes seminar activities and proposes recipes for sake-based dishes. In 2015, she established the Japan Sake Association, and as a chairman, she works hard to nurture sake professionals.

The supervisor Mr. Shinichi Asabe specializes in liver disease and virology. After graduating from the University of Tokyo School of Medicine, he worked in a variety of hospitals. He also studied at the National Cancer Center Research Institute and the Scripps Research Institute in San Diego, USA. He is currently a member of AbbVie LLC, an American biopharmaceutical company. Mr. Asabe loves wine, sake and beer.

The original Japanese version of the book has sold more than 100,000 copies, and its Manga version and a sequel have been published.

With “Dry January” in the U.K. coming after the English version was published, the book received many positive reviews from media critics, and a related article was printed in the Daily Mail Online.

The book has been published in English, Traditional Chinese and Korean, and contracts have been signed for versions in Simplified Chinese and Thai. In addition, many requests have been received for translation into other languages.

This book is just one of the numerous titles published by Nikkei Business Publications that have crossed borders in translation into other languages. Please contact us for more information on the foreign rights to our uniquely positioned and unmissable books.


Guarda il video: REGGAETON 35 MIN CARDIO DANCE FITNESS (Giugno 2022).