+
Ricette Cocktail, Distillati e Bar Locali

The Mint Julep: tutto da sapere

The Mint Julep: tutto da sapere

The Indispensables è la serie di Liquor.com dedicata ai bevitori di cocktail classici di ogni abilità necessaria nel loro arsenale. Ogni puntata presenta una ricetta d'autore, assemblata da Intel dai migliori baristi. Gli Indispensabili potrebbero non salvare il mondo, ma sicuramente salveranno la tua ora del cocktail.

Nel corso dei suoi oltre 200 anni di storia, il Mint Julep è rimasto una bevanda che sfida i tentativi di alterazione sfortunata. Certo, ci sono stati inutili tentativi di complicare la sua armoniosa semplicità (o, in alcuni casi bizzarri, semplificarla), ma nessuno è riuscito a classificare con successo il rappresentante di Julep come una specie in via di estinzione che necessita di essere salvata.

Al contrario, l'annuale Kentucky Derby è praticamente la festa nazionale della bevanda, poiché è stata la bevanda ufficiale della gara dal 1938. Il clamore per il classico cocktail arriva a un fragoroso crescendo di primavera a Churchill Downs, dove 120.000 Mint Juleps sono servito per soli due giorni. Aggiungete a ciò l'edizione limitata di $ 1,000 Julep — circa 100 speciali tazze per beneficenza riempite di alcol, uniche nel loro genere, ognuna adornata con un petalo di rosa dalla ghirlanda di rose del destriero vincente — e questo è un sacco di chiedi bontà menta bourbon-y.

"La cosa bella di un classico come Mint Julep è che è davvero semplice da realizzare", afferma il barista Charles Joly, il proprietario di Crafthouse Cocktails e l'uomo responsabile di tutti quei rinfreschi durante le gare degli ultimi quattro anni, dal momento che il funzionario Derby Bourbon, Woodford Reserve, collaborò con Joly e lo incoronò il creatore ufficiale di Mint Julep per l'evento storico. "Ma con semplici cocktail, non c'è nulla da nascondere dietro. C'è di più che può andare storto. "

Senza la rete di sicurezza di più mixer, i componenti di una buona Mint Julep non possono assolutamente essere scadenti. "La bellezza di un cocktail a tre ingredienti come il Mint Julep è che non c'è nessun posto dove nascondere le scelte sbagliate, con solo bourbon, zucchero e menta", afferma Derek Brown, proprietario della Columbia Room della DC e autore del prossimo "Spirits Sugar Bitter d'acqua. "

Anche se, se lo scomponi, tecnicamente sono quattro ingredienti. Il ghiaccio è importante in tutti i cocktail, ma nel Mint Julep è la cintura dei pantaloni: sia l'equipaggiamento estetico che la praticità necessaria.

"Mentre il ghiaccio si scioglie e si diluisce, la bevanda si raffredda e i sapori cambiano", afferma Brown. "Ecco perché viene utilizzato il ghiaccio tritato. Ci contribuisce, cambiando nel tempo. ” E mentre il caldo può essere l'ispirazione per preparare una Mint Julep, è un drink che non è stato progettato per essere respinto per una rapida pausa. "Il bello del Mint Julep è che assomiglia molto a un bicchiere di ottimo vino", dice. “Devi lasciarlo cambiare nel tempo. Inizia in un modo e finisce in un altro. È un drink da sorseggiare in veranda. "

Ma per quanto la gelida corona di ghiaccio tritato sia importante per la lenta diluizione del whisky, la bevanda non ha sempre avuto il beneficio dell'acqua congelata, secondo Sara Camp Milam, caporedattore di Southern Foodways Alliance e co-autrice di Jerry Slater di "The Southern Foodways Alliance Guide to Cocktails".

"Negli anni 1830, il ghiaccio commerciale non era ampiamente disponibile nel sud", afferma Milam. "È difficile immaginare il cocktail senza una montagna di ghiaccio tritato, ma la Mint Julep che stiamo immaginando è avvenuta qualche tempo dopo il 1830, o più vicino alla metà del secolo, perché non era fino a quel momento che le case di ghiaccio erano comuni nel sud città."

Un altro pezzo di tradizione che emerge spesso quando si parla del Mint Julep è l'origine del nome della categoria di cocktail. Probabilmente deriva dalla parola araba Golab, per l'acqua di rose, che, secondo Milam, era usata per rendere la medicina più appetibile, una storia comune ad altri elisir alcolici.

Milam e Slater scoprirono che il precursore fondamentale della Mint Julep non era, di fatto, prodotto nel Kentucky o con whisky americano. "Crediamo che la Virginia dell'inizio del XIX secolo sia la casa della Mint Julep", afferma. “Abbiamo scoperto che la cosa più vicina era un drink con acquavite di pesche o rum, consumato al mattino con la menta per renderlo più facile nelle fattorie in Virginia.

La prima menzione scritta del Mint Julep è stata trovata in una lettera del 1803 scritta da un proprietario di una piantagione della Virginia. Il prossimo era un menu nel 1816 presso il resort White Sulphur Springs (attualmente noto come il famoso Greenbrier) nell'attuale West Virginia. Le offerte senza ghiaccio erano di 25 centesimi al pop e tre per $ 50.

Ovviamente, il bourbon è ora sinonimo di cocktail ed è difficile immaginarlo in altro modo. “Ci sono due campi con il Mint Julep. Quelli che pensano che sia un Mojito e quelli che sanno che è un vecchio stile ", afferma Brown. “Il campo di Mojito è sbagliato. Il Julep non è una bevanda insipida dolce; è qualcosa di complesso che ha un po 'di energia. "

Nel suo libro "Julep: Southern Cocktails Refashioned", la barista Alba Huerta, proprietaria del famoso bar di Houston Julep, sostiene anche un bourbon più resistente: "Lo spirito ideale per questo è da metà anni 80 a 90" Bourbon. Un 80-proof puro potrebbe bere bene per i primi minuti, ma quando il ghiaccio inizia a sciogliersi, diventerà presto troppo diluito per essere piacevole. "

Per quanto riguarda la zecca, il livido, non fare il prepotente. "Un piccolo tocco tirerà fuori la fragranza", dice Brown. “Un esperimento che faccio quando insegno in classe è dire a una persona di masticare una foglia di menta. Il primo morso è rinfrescante e fragrante, ma mentre continui a masticare, diventa più amaro e terribile degustazione. Più confondi, peggio diventa ", dice Brown. "È come con gli hamburger: le persone li spingono verso il basso e ne fanno uscire tutto il succo. Perché uccidere l'hamburger? Vuole solo essere amato. Lo stesso per la zecca. "

«Vuoi dei bei rametti sodi, non della menta gocciolante sul lato del tuo drink. È triste ", dice Joly, che preferisce grandi ciuffi di erbe simili a nosegay nei suoi Juleps. Per mantenere splendida la sua menta per guarnire, Joly passa un paio d'ore a raccogliere i mazzi di fiori e ad allestirli, con il lato delle foglie emerso, in acqua ghiacciata per circa 15 minuti. Quindi taglia gli steli (con un coltello - le forbici, dice, schiaccia i capillari, rendendo più difficile per l'acqua fare il suo lavoro) e li immerge in acqua a temperatura ambiente. Se si tiene durante la notte, mette un sacchetto di plastica sciolto sopra i grappoli. "Quella tecnica riporterà la zecca anche se è un po 'in uscita."

Lascia le foglie di menta per confonderle e le avvolge delicatamente in un tovagliolo di carta umido. Questi vengono premuti delicatamente sul fondo del bicchiere o della tazza con un po 'di zucchero e whisky. "Quando confondi la zecca con nient'altro, stai confondendo in aria. Quando confondi nel liquido, gli oli entrano in qualcosa. "

Non puoi parlare della Mint Julep senza parlare della sua tazza in argento, che sembra essere un'altra parte della tradizione e del fascino del cocktail: che è un drink del benestante, contenuto in un raffinato, gelido coppa d'argento. Ma mentre le immagini anteguerra "Via col vento" (il film è uscito lo stesso anno in cui il Derby rivendicava il Julep come proprio), non è possibile ignorare che traccia una linea direttamente con il passato di schiavitù del nostro paese - qualcosa di Milam vorrebbe vedere il cambiamento.

"È un ottimo veicolo per un drink pieno di ghiaccio tritato, ma penso che sfortunatamente tende ad essere legato a queste immagini idealizzate delle piantagioni del Sud, dove hai un maggiordomo che ti porta un Mint Julep su un vassoio d'argento. Non mi piace quella parte ", dice. “Parla di un vecchio Sud che significa anche piantatori di uomini bianchi e servitù. Spero che possiamo rivendicare il Julep per tutti ".

Ma la funzione si sta facendo strada per superare la depressione. "La coppa di metallo sta diventando iconica", afferma Joly. "Quando le persone lo vedono, stanno già pensando a Julep. E certamente gli permette di gelare come solo una tazza di metallo farebbe. Certo, funziona in un bicchiere Collins, ma non è così freddo.

Buon whisky, menta fresca, un po 'di zucchero o sciroppo semplice e ghiaccio tritato: tutto qui. Ma all'interno di ognuna di queste cose c'è l'opportunità di fare una scelta che eleva la bevanda al livello dell'icona che è.

"Penso che sia un cocktail che soddisfi un paio di punti contemporaneamente", afferma Brown. "È un cocktail molto aromatico, un cocktail molto bello, quindi da quel lato ha questa caratteristica quasi eterea. Dall'altro lato, è sbronzo come un cazzo. Quindi hai questa bellezza e questa forza allo stesso tempo. E una volta fatto bene, è il miglior cocktail. "

Per scoprire come realizzare un Mint Julep, guarda questo video.

Guarda ora: come fare un facile Mint Julep

Per i riff su Mint Julep, dai un'occhiata a queste ricette:


Guarda il video: Mint Julep - The Promise When In Rome cover (Marzo 2021).