Ricette di cocktail, liquori e bar locali

Ristoratori del Michigan accusati di 65 reati per frode fiscale

Ristoratori del Michigan accusati di 65 reati per frode fiscale



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

I proprietari di Sushi Samurai sono accusati di utilizzare software illegale per commettere frodi fiscali

I proprietari di un ristorante di sushi nel Michigan sono stati accusati di 65 reati per l'utilizzo di software illegale per eliminare i record di vendita e far sembrare che il loro ristorante non stesse guadagnando così tanto.

Secondo la CBS, Dong Hyun Chang e Christina Sang Chang possiedono un ristorante chiamato Sushi Samurai a Orchard Lake, nel Michigan, e questa settimana sono stati arrestati e accusati di 65 reati, tra cui appropriazione indebita, cospirazione per appropriazione indebita, cinque capi di deposito di una falsa imposta sul reddito congiunto resi, possesso di un dispositivo automatizzato di soppressione delle vendite e 59 conteggi per la presentazione di false dichiarazioni dei redditi. Questi sono un sacco di reati e l'appropriazione indebita di oltre $ 100.000 comporta una potenziale pena fino a 20 anni di carcere se condannata.

I Chang avrebbero utilizzato un software illegale "zapper" per eliminare i record di vendita dal punto vendita del ristorante, il che ha permesso loro di fingere che il loro reddito fosse significativamente inferiore a quello in realtà. I pubblici ministeri affermano che la coppia ha cancellato migliaia di ricevute, ha sottratto oltre 170.000 dollari di entrate fiscali sulle vendite e non ha riportato più di 2,5 milioni di dollari di vendite tra il 2012 e il 2016.

La coppia è stata rilasciata su cauzione a condizione che consegnassero i loro passaporti e indossassero monitor GPS. La loro prossima data del tribunale è il 1 maggio.


Spiro Agnew

Spiro Theodore Agnew ( / ˈ sp ɪr oʊ ˈ æ ɡ nj uː / 9 novembre 1918 – 17 settembre 1996) è stato il 39° vicepresidente degli Stati Uniti, in carica dal 1969 fino alle sue dimissioni nel 1973. È il secondo e più recente vicepresidente di dimettersi dalla carica, l'altro è John C. Calhoun nel 1832. A differenza di Calhoun, Agnew si dimise a causa di uno scandalo.

Agnew è nato a Baltimora da madre di origine americana e padre immigrato greco. Ha frequentato la Johns Hopkins University e si è laureato alla University of Baltimore School of Law. Ha lavorato come assistente del rappresentante degli Stati Uniti James Devereux prima di essere nominato membro del consiglio di amministrazione della contea di Baltimora nel 1957. Nel 1962 è stato eletto esecutivo della contea di Baltimora. Nel 1966, Agnew fu eletto governatore del Maryland, sconfiggendo il suo avversario democratico George P. Mahoney e il candidato indipendente Hyman A. Pressman.

Alla Convention nazionale repubblicana del 1968, Richard Nixon chiese ad Agnew di nominare il suo nome e lo nominò vicepresidente. La reputazione centrista di Agnew interessava a Nixon la posizione di legge e ordine che aveva preso sulla scia dei disordini civili quell'anno si appellò ad aiutanti come Pat Buchanan. Agnew fece una serie di gaffe durante la campagna, ma la sua retorica piacque a molti repubblicani e potrebbe aver fatto la differenza in diversi stati chiave. Nixon e Agnew hanno sconfitto il biglietto democratico del vicepresidente uscente Hubert Humphrey e del suo vicepresidente, il senatore Edmund Muskie. Come vicepresidente, Agnew è stato spesso chiamato ad attaccare i nemici dell'amministrazione. Negli anni della sua vicepresidenza, Agnew si spostò a destra, facendo appello ai conservatori che erano sospettosi delle posizioni moderate assunte da Nixon. Nelle elezioni presidenziali del 1972, Nixon e Agnew furono rieletti per un secondo mandato, sconfiggendo il senatore George McGovern e il suo vice Sargent Shriver.

Nel 1973, Agnew è stato indagato dal procuratore degli Stati Uniti per il distretto del Maryland con l'accusa di associazione a delinquere, corruzione, estorsione e frode fiscale. Agnew ha ricevuto tangenti da appaltatori durante il suo periodo come dirigente della contea di Baltimora e governatore del Maryland. I pagamenti erano continuati fino al suo tempo come vicepresidente, non avevano nulla a che fare con lo scandalo Watergate, in cui non era implicato. Dopo mesi in cui ha affermato la sua innocenza, Agnew non ha contestato una singola accusa di evasione fiscale e si è dimesso dall'incarico. Nixon lo sostituì con il leader repubblicano della Camera Gerald Ford. Agnew trascorse il resto della sua vita in silenzio, raramente facendo apparizioni pubbliche. Ha scritto un romanzo e un libro di memorie che hanno difeso le sue azioni.


Spiro Agnew

Spiro Theodore Agnew ( / ˈ sp ɪr oʊ ˈ æ ɡ nj uː / 9 novembre 1918 – 17 settembre 1996) è stato il 39° vicepresidente degli Stati Uniti, in carica dal 1969 fino alle sue dimissioni nel 1973. È il secondo e più recente vicepresidente di dimettersi dalla carica, l'altro è John C. Calhoun nel 1832. A differenza di Calhoun, Agnew si dimise a causa di uno scandalo.

Agnew è nato a Baltimora da madre di origine americana e padre immigrato greco. Ha frequentato la Johns Hopkins University e si è laureato alla University of Baltimore School of Law. Ha lavorato come assistente del rappresentante degli Stati Uniti James Devereux prima di essere nominato membro del consiglio di amministrazione della contea di Baltimora nel 1957. Nel 1962 è stato eletto esecutivo della contea di Baltimora. Nel 1966, Agnew fu eletto governatore del Maryland, sconfiggendo il suo avversario democratico George P. Mahoney e il candidato indipendente Hyman A. Pressman.

Alla Convention nazionale repubblicana del 1968, Richard Nixon chiese ad Agnew di nominare il suo nome e lo nominò vicepresidente. La reputazione centrista di Agnew interessava a Nixon la posizione di legge e ordine che aveva preso sulla scia dei disordini civili quell'anno si appellò ad aiutanti come Pat Buchanan. Agnew fece una serie di gaffe durante la campagna, ma la sua retorica piacque a molti repubblicani e potrebbe aver fatto la differenza in diversi stati chiave. Nixon e Agnew hanno sconfitto il biglietto democratico del vicepresidente uscente Hubert Humphrey e del suo vicepresidente, il senatore Edmund Muskie. Come vicepresidente, Agnew è stato spesso chiamato ad attaccare i nemici dell'amministrazione. Negli anni della sua vicepresidenza, Agnew si spostò a destra, facendo appello ai conservatori che erano sospettosi delle posizioni moderate assunte da Nixon. Nelle elezioni presidenziali del 1972, Nixon e Agnew furono rieletti per un secondo mandato, sconfiggendo il senatore George McGovern e il suo vice Sargent Shriver.

Nel 1973, Agnew è stato indagato dal procuratore degli Stati Uniti per il distretto del Maryland con l'accusa di associazione a delinquere, corruzione, estorsione e frode fiscale. Agnew ha ricevuto tangenti da appaltatori durante il suo periodo come dirigente della contea di Baltimora e governatore del Maryland. I pagamenti erano continuati durante il suo periodo di vicepresidente, non avevano nulla a che fare con lo scandalo Watergate, in cui non era implicato. Dopo mesi di mantenimento della sua innocenza, Agnew non ha contestato una singola accusa di evasione fiscale e si è dimesso dall'incarico. Nixon lo sostituì con il leader repubblicano della Camera Gerald Ford. Agnew trascorse il resto della sua vita in silenzio, raramente facendo apparizioni pubbliche. Ha scritto un romanzo e un libro di memorie che hanno difeso le sue azioni.


Spiro Agnew

Spiro Theodore Agnew ( / ˈ sp ɪr oʊ ˈ æ ɡ nj uː / 9 novembre 1918 – 17 settembre 1996) è stato il 39° vicepresidente degli Stati Uniti, in carica dal 1969 fino alle sue dimissioni nel 1973. È il secondo e più recente vicepresidente di dimettersi dalla carica, l'altro è John C. Calhoun nel 1832. A differenza di Calhoun, Agnew si dimise a causa di uno scandalo.

Agnew è nato a Baltimora da madre di origine americana e padre immigrato greco. Ha frequentato la Johns Hopkins University e si è laureato alla University of Baltimore School of Law. Ha lavorato come assistente del rappresentante degli Stati Uniti James Devereux prima di essere nominato membro del consiglio di amministrazione della contea di Baltimora nel 1957. Nel 1962 è stato eletto esecutivo della contea di Baltimora. Nel 1966, Agnew fu eletto governatore del Maryland, sconfiggendo il suo avversario democratico George P. Mahoney e il candidato indipendente Hyman A. Pressman.

Alla Convention nazionale repubblicana del 1968, Richard Nixon chiese ad Agnew di nominare il suo nome e lo nominò vicepresidente. La reputazione centrista di Agnew interessava a Nixon la posizione di legge e ordine che aveva preso sulla scia dei disordini civili quell'anno si appellò ad aiutanti come Pat Buchanan. Agnew fece una serie di gaffe durante la campagna, ma la sua retorica piacque a molti repubblicani e potrebbe aver fatto la differenza in diversi stati chiave. Nixon e Agnew hanno sconfitto il biglietto democratico del vicepresidente uscente Hubert Humphrey e del suo vicepresidente, il senatore Edmund Muskie. Come vicepresidente, Agnew è stato spesso chiamato ad attaccare i nemici dell'amministrazione. Negli anni della sua vicepresidenza, Agnew si spostò a destra, facendo appello ai conservatori che erano sospettosi delle posizioni moderate assunte da Nixon. Nelle elezioni presidenziali del 1972, Nixon e Agnew furono rieletti per un secondo mandato, sconfiggendo il senatore George McGovern e il suo vice Sargent Shriver.

Nel 1973, Agnew è stato indagato dal procuratore degli Stati Uniti per il distretto del Maryland con l'accusa di associazione a delinquere, corruzione, estorsione e frode fiscale. Agnew ha ricevuto tangenti da appaltatori durante il suo periodo come dirigente della contea di Baltimora e governatore del Maryland. I pagamenti erano continuati fino al suo tempo come vicepresidente, non avevano nulla a che fare con lo scandalo Watergate, in cui non era implicato. Dopo mesi di mantenimento della sua innocenza, Agnew non ha contestato una singola accusa di evasione fiscale e si è dimesso dall'incarico. Nixon lo sostituì con il leader repubblicano della Camera Gerald Ford. Agnew trascorse il resto della sua vita in silenzio, raramente facendo apparizioni pubbliche. Ha scritto un romanzo e un libro di memorie che hanno difeso le sue azioni.


Spiro Agnew

Spiro Theodore Agnew ( / ˈ sp ɪr oʊ ˈ æ ɡ nj uː / 9 novembre 1918 – 17 settembre 1996) è stato il 39° vicepresidente degli Stati Uniti, in carica dal 1969 fino alle sue dimissioni nel 1973. È il secondo e più recente vicepresidente di dimettersi dalla carica, l'altro è John C. Calhoun nel 1832. A differenza di Calhoun, Agnew si dimise a causa di uno scandalo.

Agnew è nato a Baltimora da madre di origine americana e padre immigrato greco. Ha frequentato la Johns Hopkins University e si è laureato alla University of Baltimore School of Law. Ha lavorato come assistente del rappresentante degli Stati Uniti James Devereux prima di essere nominato membro del consiglio di amministrazione della contea di Baltimora nel 1957. Nel 1962 è stato eletto esecutivo della contea di Baltimora. Nel 1966, Agnew fu eletto governatore del Maryland, sconfiggendo il suo avversario democratico George P. Mahoney e il candidato indipendente Hyman A. Pressman.

Alla Convention nazionale repubblicana del 1968, Richard Nixon chiese ad Agnew di nominare il suo nome e lo nominò vicepresidente. La reputazione centrista di Agnew interessava a Nixon la posizione di legge e ordine che aveva preso sulla scia dei disordini civili quell'anno si appellò ad aiutanti come Pat Buchanan. Agnew fece una serie di gaffe durante la campagna, ma la sua retorica piacque a molti repubblicani e potrebbe aver fatto la differenza in diversi stati chiave. Nixon e Agnew hanno sconfitto il biglietto democratico del vicepresidente uscente Hubert Humphrey e del suo vicepresidente, il senatore Edmund Muskie. Come vicepresidente, Agnew è stato spesso chiamato ad attaccare i nemici dell'amministrazione. Negli anni della sua vicepresidenza, Agnew si spostò a destra, facendo appello ai conservatori che erano sospettosi delle posizioni moderate assunte da Nixon. Nelle elezioni presidenziali del 1972, Nixon e Agnew furono rieletti per un secondo mandato, sconfiggendo il senatore George McGovern e il suo vice Sargent Shriver.

Nel 1973, Agnew è stato indagato dal procuratore degli Stati Uniti per il distretto del Maryland con l'accusa di associazione a delinquere, corruzione, estorsione e frode fiscale. Agnew ha ricevuto tangenti da appaltatori durante il suo periodo come dirigente della contea di Baltimora e governatore del Maryland. I pagamenti erano continuati fino al suo tempo come vicepresidente, non avevano nulla a che fare con lo scandalo Watergate, in cui non era implicato. Dopo mesi di mantenimento della sua innocenza, Agnew non ha contestato una singola accusa di evasione fiscale e si è dimesso dall'incarico. Nixon lo sostituì con il leader repubblicano della Camera Gerald Ford. Agnew trascorse il resto della sua vita in silenzio, raramente facendo apparizioni pubbliche. Ha scritto un romanzo e un libro di memorie che hanno difeso le sue azioni.


Spiro Agnew

Spiro Theodore Agnew ( / ˈ sp ɪr oʊ ˈ æ ɡ nj uː / 9 novembre 1918 – 17 settembre 1996) è stato il 39° vicepresidente degli Stati Uniti, in carica dal 1969 fino alle sue dimissioni nel 1973. È il secondo e più recente vicepresidente di dimettersi dalla carica, l'altro è John C. Calhoun nel 1832. A differenza di Calhoun, Agnew si dimise a causa di uno scandalo.

Agnew è nato a Baltimora da madre di origine americana e padre immigrato greco. Ha frequentato la Johns Hopkins University e si è laureato alla University of Baltimore School of Law. Ha lavorato come assistente del rappresentante degli Stati Uniti James Devereux prima di essere nominato al Consiglio di amministrazione della contea di Baltimora nel 1957. Nel 1962, è stato eletto esecutivo della contea di Baltimora. Nel 1966, Agnew fu eletto governatore del Maryland, sconfiggendo il suo avversario democratico George P. Mahoney e il candidato indipendente Hyman A. Pressman.

Alla Convention nazionale repubblicana del 1968, Richard Nixon chiese ad Agnew di nominare il suo nome e lo nominò vicepresidente. La reputazione centrista di Agnew interessava a Nixon la posizione di legge e ordine che aveva preso sulla scia dei disordini civili quell'anno si appellò ad aiutanti come Pat Buchanan. Agnew fece una serie di gaffe durante la campagna, ma la sua retorica piacque a molti repubblicani e potrebbe aver fatto la differenza in diversi stati chiave. Nixon e Agnew hanno sconfitto il biglietto democratico del vicepresidente uscente Hubert Humphrey e del suo vicepresidente, il senatore Edmund Muskie. Come vicepresidente, Agnew è stato spesso chiamato ad attaccare i nemici dell'amministrazione. Negli anni della sua vicepresidenza, Agnew si spostò a destra, facendo appello ai conservatori che erano sospettosi delle posizioni moderate assunte da Nixon. Nelle elezioni presidenziali del 1972, Nixon e Agnew furono rieletti per un secondo mandato, sconfiggendo il senatore George McGovern e il suo vice Sargent Shriver.

Nel 1973, Agnew è stato indagato dal procuratore degli Stati Uniti per il distretto del Maryland con l'accusa di associazione a delinquere, corruzione, estorsione e frode fiscale. Agnew ha ricevuto tangenti da appaltatori durante il suo periodo come dirigente della contea di Baltimora e governatore del Maryland. I pagamenti erano continuati durante il suo periodo di vicepresidente, non avevano nulla a che fare con lo scandalo Watergate, in cui non era implicato. Dopo mesi in cui ha affermato la sua innocenza, Agnew non ha contestato una singola accusa di evasione fiscale e si è dimesso dall'incarico. Nixon lo sostituì con il leader repubblicano della Camera Gerald Ford. Agnew trascorse il resto della sua vita in silenzio, raramente facendo apparizioni pubbliche. Ha scritto un romanzo e un libro di memorie che hanno difeso le sue azioni.


Spiro Agnew

Spiro Theodore Agnew ( / ˈ sp ɪr oʊ ˈ æ ɡ nj uː / 9 novembre 1918 – 17 settembre 1996) è stato il 39° vicepresidente degli Stati Uniti, in carica dal 1969 fino alle sue dimissioni nel 1973. È il secondo e più recente vicepresidente di dimettersi dalla carica, l'altro è John C. Calhoun nel 1832. A differenza di Calhoun, Agnew si dimise a causa di uno scandalo.

Agnew è nato a Baltimora da madre di origine americana e padre immigrato greco. Ha frequentato la Johns Hopkins University e si è laureato alla University of Baltimore School of Law. Ha lavorato come assistente del rappresentante degli Stati Uniti James Devereux prima di essere nominato membro del consiglio di amministrazione della contea di Baltimora nel 1957. Nel 1962 è stato eletto esecutivo della contea di Baltimora. Nel 1966, Agnew fu eletto governatore del Maryland, sconfiggendo il suo avversario democratico George P. Mahoney e il candidato indipendente Hyman A. Pressman.

Alla Convention nazionale repubblicana del 1968, Richard Nixon chiese ad Agnew di nominare il suo nome e lo nominò vicepresidente. La reputazione centrista di Agnew interessava a Nixon la posizione di legge e ordine che aveva preso sulla scia dei disordini civili quell'anno si appellò ad aiutanti come Pat Buchanan. Agnew fece una serie di gaffe durante la campagna, ma la sua retorica piacque a molti repubblicani e potrebbe aver fatto la differenza in diversi stati chiave. Nixon e Agnew hanno sconfitto il biglietto democratico del vicepresidente uscente Hubert Humphrey e del suo vicepresidente, il senatore Edmund Muskie. Come vicepresidente, Agnew è stato spesso chiamato ad attaccare i nemici dell'amministrazione. Negli anni della sua vicepresidenza, Agnew si spostò a destra, facendo appello ai conservatori che erano sospettosi delle posizioni moderate assunte da Nixon. Nelle elezioni presidenziali del 1972, Nixon e Agnew furono rieletti per un secondo mandato, sconfiggendo il senatore George McGovern e il suo vice Sargent Shriver.

Nel 1973, Agnew è stato indagato dal procuratore degli Stati Uniti per il distretto del Maryland con l'accusa di associazione a delinquere, corruzione, estorsione e frode fiscale. Agnew ha ricevuto tangenti da appaltatori durante il suo periodo come dirigente della contea di Baltimora e governatore del Maryland. I pagamenti erano continuati fino al suo tempo come vicepresidente, non avevano nulla a che fare con lo scandalo Watergate, in cui non era implicato. Dopo mesi in cui ha affermato la sua innocenza, Agnew non ha contestato una singola accusa di evasione fiscale e si è dimesso dall'incarico. Nixon lo sostituì con il leader repubblicano della Camera Gerald Ford. Agnew trascorse il resto della sua vita in silenzio, raramente facendo apparizioni pubbliche. Ha scritto un romanzo e un libro di memorie che hanno difeso le sue azioni.


Spiro Agnew

Spiro Theodore Agnew ( / ˈ sp ɪr oʊ ˈ æ ɡ nj uː / 9 novembre 1918 – 17 settembre 1996) è stato il 39° vicepresidente degli Stati Uniti, in carica dal 1969 fino alle sue dimissioni nel 1973. È il secondo e più recente vicepresidente di dimettersi dalla carica, l'altro è John C. Calhoun nel 1832. A differenza di Calhoun, Agnew si dimise a causa di uno scandalo.

Agnew è nato a Baltimora da madre di origine americana e padre immigrato greco. Ha frequentato la Johns Hopkins University e si è laureato alla University of Baltimore School of Law. Ha lavorato come assistente del rappresentante degli Stati Uniti James Devereux prima di essere nominato membro del consiglio di amministrazione della contea di Baltimora nel 1957. Nel 1962 è stato eletto esecutivo della contea di Baltimora. Nel 1966, Agnew fu eletto governatore del Maryland, sconfiggendo il suo avversario democratico George P. Mahoney e il candidato indipendente Hyman A. Pressman.

Alla Convention nazionale repubblicana del 1968, Richard Nixon chiese ad Agnew di nominare il suo nome e lo nominò vicepresidente. La reputazione centrista di Agnew interessava a Nixon la posizione di legge e ordine che aveva preso sulla scia dei disordini civili quell'anno si appellò ad aiutanti come Pat Buchanan. Agnew fece una serie di gaffe durante la campagna, ma la sua retorica piacque a molti repubblicani e potrebbe aver fatto la differenza in diversi stati chiave. Nixon e Agnew hanno sconfitto il biglietto democratico del vicepresidente uscente Hubert Humphrey e del suo vicepresidente, il senatore Edmund Muskie. Come vicepresidente, Agnew è stato spesso chiamato ad attaccare i nemici dell'amministrazione. Negli anni della sua vicepresidenza, Agnew si spostò a destra, facendo appello ai conservatori che erano sospettosi delle posizioni moderate assunte da Nixon. Nelle elezioni presidenziali del 1972, Nixon e Agnew furono rieletti per un secondo mandato, sconfiggendo il senatore George McGovern e il suo vice Sargent Shriver.

Nel 1973, Agnew è stato indagato dal procuratore degli Stati Uniti per il distretto del Maryland con l'accusa di associazione a delinquere, corruzione, estorsione e frode fiscale. Agnew ha ricevuto tangenti da appaltatori durante il suo periodo come dirigente della contea di Baltimora e governatore del Maryland. I pagamenti erano continuati durante il suo periodo di vicepresidente, non avevano nulla a che fare con lo scandalo Watergate, in cui non era implicato. Dopo mesi in cui ha affermato la sua innocenza, Agnew non ha contestato una singola accusa di evasione fiscale e si è dimesso dall'incarico. Nixon lo sostituì con il leader repubblicano della Camera Gerald Ford. Agnew trascorse il resto della sua vita in silenzio, raramente facendo apparizioni pubbliche. Ha scritto un romanzo e un libro di memorie che hanno difeso le sue azioni.


Spiro Agnew

Spiro Theodore Agnew ( / ˈ sp ɪr oʊ ˈ æ ɡ nj uː / 9 novembre 1918 – 17 settembre 1996) è stato il 39° vicepresidente degli Stati Uniti, in carica dal 1969 fino alle sue dimissioni nel 1973. È il secondo e più recente vicepresidente di dimettersi dalla carica, l'altro è John C. Calhoun nel 1832. A differenza di Calhoun, Agnew si dimise a causa di uno scandalo.

Agnew è nato a Baltimora da madre di origine americana e padre immigrato greco. Ha frequentato la Johns Hopkins University e si è laureato alla University of Baltimore School of Law. Ha lavorato come assistente del rappresentante degli Stati Uniti James Devereux prima di essere nominato membro del consiglio di amministrazione della contea di Baltimora nel 1957. Nel 1962 è stato eletto esecutivo della contea di Baltimora. Nel 1966, Agnew fu eletto governatore del Maryland, sconfiggendo il suo avversario democratico George P. Mahoney e il candidato indipendente Hyman A. Pressman.

Alla Convention nazionale repubblicana del 1968, Richard Nixon chiese ad Agnew di nominare il suo nome e lo nominò vicepresidente. La reputazione centrista di Agnew interessava a Nixon la posizione di legge e ordine che aveva preso sulla scia dei disordini civili quell'anno si appellò ad aiutanti come Pat Buchanan. Agnew fece una serie di gaffe durante la campagna, ma la sua retorica piacque a molti repubblicani e potrebbe aver fatto la differenza in diversi stati chiave. Nixon e Agnew hanno sconfitto il biglietto democratico del vicepresidente uscente Hubert Humphrey e del suo vicepresidente, il senatore Edmund Muskie. Come vicepresidente, Agnew è stato spesso chiamato ad attaccare i nemici dell'amministrazione. Negli anni della sua vicepresidenza, Agnew si spostò a destra, facendo appello ai conservatori che erano sospettosi delle posizioni moderate assunte da Nixon. Nelle elezioni presidenziali del 1972, Nixon e Agnew furono rieletti per un secondo mandato, sconfiggendo il senatore George McGovern e il suo vice Sargent Shriver.

Nel 1973, Agnew è stato indagato dal procuratore degli Stati Uniti per il distretto del Maryland con l'accusa di associazione a delinquere, corruzione, estorsione e frode fiscale. Agnew ha ricevuto tangenti da appaltatori durante il suo periodo come dirigente della contea di Baltimora e governatore del Maryland. I pagamenti erano continuati durante il suo periodo di vicepresidente, non avevano nulla a che fare con lo scandalo Watergate, in cui non era implicato. Dopo mesi di mantenimento della sua innocenza, Agnew non ha contestato una singola accusa di evasione fiscale e si è dimesso dall'incarico. Nixon lo sostituì con il leader repubblicano della Camera Gerald Ford. Agnew trascorse il resto della sua vita in silenzio, raramente facendo apparizioni pubbliche. Ha scritto un romanzo e un libro di memorie che hanno difeso le sue azioni.


Spiro Agnew

Spiro Theodore Agnew ( / ˈ sp ɪr oʊ ˈ æ ɡ nj uː / 9 novembre 1918 – 17 settembre 1996) è stato il 39° vicepresidente degli Stati Uniti, in carica dal 1969 fino alle sue dimissioni nel 1973. È il secondo e più recente vicepresidente di dimettersi dalla carica, l'altro è John C. Calhoun nel 1832. A differenza di Calhoun, Agnew si dimise a causa di uno scandalo.

Agnew è nato a Baltimora da madre di origine americana e padre immigrato greco. Ha frequentato la Johns Hopkins University e si è laureato alla University of Baltimore School of Law. Ha lavorato come assistente del rappresentante degli Stati Uniti James Devereux prima di essere nominato membro del consiglio di amministrazione della contea di Baltimora nel 1957. Nel 1962 è stato eletto esecutivo della contea di Baltimora. Nel 1966, Agnew fu eletto governatore del Maryland, sconfiggendo il suo avversario democratico George P. Mahoney e il candidato indipendente Hyman A. Pressman.

Alla Convention nazionale repubblicana del 1968, Richard Nixon chiese ad Agnew di nominare il suo nome e lo nominò vicepresidente. La reputazione centrista di Agnew interessava a Nixon la posizione di legge e ordine che aveva preso sulla scia dei disordini civili quell'anno si appellò ad aiutanti come Pat Buchanan. Agnew fece una serie di gaffe durante la campagna, ma la sua retorica piacque a molti repubblicani e potrebbe aver fatto la differenza in diversi stati chiave. Nixon e Agnew hanno sconfitto il biglietto democratico del vicepresidente uscente Hubert Humphrey e del suo vicepresidente, il senatore Edmund Muskie. Come vicepresidente, Agnew è stato spesso chiamato ad attaccare i nemici dell'amministrazione. Negli anni della sua vicepresidenza, Agnew si spostò a destra, facendo appello ai conservatori che erano sospettosi delle posizioni moderate assunte da Nixon. Nelle elezioni presidenziali del 1972, Nixon e Agnew furono rieletti per un secondo mandato, sconfiggendo il senatore George McGovern e il suo vice Sargent Shriver.

Nel 1973, Agnew è stato indagato dal procuratore degli Stati Uniti per il distretto del Maryland con l'accusa di associazione a delinquere, corruzione, estorsione e frode fiscale. Agnew ha ricevuto tangenti da appaltatori durante il suo periodo come dirigente della contea di Baltimora e governatore del Maryland. I pagamenti erano continuati durante il suo periodo di vicepresidente, non avevano nulla a che fare con lo scandalo Watergate, in cui non era implicato. Dopo mesi in cui ha affermato la sua innocenza, Agnew non ha contestato una singola accusa di evasione fiscale e si è dimesso dall'incarico. Nixon lo sostituì con il leader repubblicano della Camera Gerald Ford. Agnew trascorse il resto della sua vita in silenzio, raramente facendo apparizioni pubbliche. Ha scritto un romanzo e un libro di memorie che hanno difeso le sue azioni.


Spiro Agnew

Spiro Theodore Agnew ( / ˈ sp ɪr oʊ ˈ æ ɡ nj uː / 9 novembre 1918 – 17 settembre 1996) è stato il 39° vicepresidente degli Stati Uniti, in carica dal 1969 fino alle sue dimissioni nel 1973. È il secondo e più recente vicepresidente di dimettersi dalla carica, l'altro è John C. Calhoun nel 1832. A differenza di Calhoun, Agnew si dimise a causa di uno scandalo.

Agnew è nato a Baltimora da madre di origine americana e padre immigrato greco. Ha frequentato la Johns Hopkins University e si è laureato alla University of Baltimore School of Law. Ha lavorato come assistente del rappresentante degli Stati Uniti James Devereux prima di essere nominato membro del consiglio di amministrazione della contea di Baltimora nel 1957. Nel 1962 è stato eletto esecutivo della contea di Baltimora. Nel 1966, Agnew fu eletto governatore del Maryland, sconfiggendo il suo avversario democratico George P. Mahoney e il candidato indipendente Hyman A. Pressman.

Alla Convention nazionale repubblicana del 1968, Richard Nixon chiese ad Agnew di nominare il suo nome e lo nominò vicepresidente. La reputazione centrista di Agnew interessava a Nixon la posizione di legge e ordine che aveva preso sulla scia dei disordini civili quell'anno si appellò ad aiutanti come Pat Buchanan. Agnew fece una serie di gaffe durante la campagna, ma la sua retorica piacque a molti repubblicani e potrebbe aver fatto la differenza in diversi stati chiave. Nixon e Agnew hanno sconfitto il biglietto democratico del vicepresidente uscente Hubert Humphrey e del suo vicepresidente, il senatore Edmund Muskie. Come vicepresidente, Agnew è stato spesso chiamato ad attaccare i nemici dell'amministrazione. Negli anni della sua vicepresidenza, Agnew si spostò a destra, facendo appello ai conservatori che erano sospettosi delle posizioni moderate assunte da Nixon. Nelle elezioni presidenziali del 1972, Nixon e Agnew furono rieletti per un secondo mandato, sconfiggendo il senatore George McGovern e il suo vice Sargent Shriver.

Nel 1973, Agnew è stato indagato dal procuratore degli Stati Uniti per il distretto del Maryland con l'accusa di associazione a delinquere, corruzione, estorsione e frode fiscale. Agnew ha ricevuto tangenti da appaltatori durante il suo periodo come dirigente della contea di Baltimora e governatore del Maryland. I pagamenti erano continuati durante il suo periodo di vicepresidente, non avevano nulla a che fare con lo scandalo Watergate, in cui non era implicato. Dopo mesi in cui ha affermato la sua innocenza, Agnew non ha contestato una singola accusa di evasione fiscale e si è dimesso dall'incarico. Nixon lo sostituì con il leader repubblicano della Camera Gerald Ford. Agnew trascorse il resto della sua vita in silenzio, raramente facendo apparizioni pubbliche. Ha scritto un romanzo e un libro di memorie che hanno difeso le sue azioni.


Guarda il video: COME EVADERE IL FISCO LEGALMENTE. avv. Angelo Greco (Agosto 2022).