Ricetta Dry Gin Martini



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Ingredienti

  • 2 ½ once London dry gin
  • 1 oncia di vermouth secco
  • scorza di limone per guarnire

Indicazioni

In uno shaker Boston, aggiungi ghiaccio e vermouth secco e agita fino a quando il ghiaccio non è rotto e ricoperto di vermouth. Filtrare la maggior parte del liquido e trasferire il ghiaccio in un mixing glass. Aggiungere il gin e mescolare fino a quando non è freddo. Filtrare in una coupé ghiacciata o in un bicchiere da martini. Spremere la scorza di limone sulla bevanda e farla cadere.

Fatti nutrizionali

Porzioni1

Calorie per porzione209

Zucchero0.2gN/A

Carboidrati0,8 g0,3%

Calcio2mgN/A

Folato (cibo)0.3µgN/A

Folato equivalente (totale)0.3µg0.1%

Ferro0.1mg0.6%

Magnesio3mg1%

Fosforo6mg1%

Potassio28mg1%

Sodio3mgN/A

Hai una domanda sui dati nutrizionali? Facci sapere.

tag


Ricetta Cocktail HENDRICK'S MARTINI

Il Martini, quella sinfonia cantata di liquido, è stato descritto come "l'elisir di quiete" dall'autore E. B. White. La storia delle origini di questo poema bevibile è una questione controversa, e un argomento tanto emotivo e importante quanto il modo migliore per preparare la bevanda stessa. Fin dalla sua invenzione nel XIX secolo, il Martini ha attraversato il nostro immaginario collettivo nella letteratura, nel cinema e nella canzone. Qui incontriamo i sapori del gin in una forma pura primordiale. Questo classico dei cocktail classici, questo maestro melodioso, è ulteriormente accentuato quando intrattiene la stessa HENDRICK'S GIN.

Il Martini, quella sinfonia cantata di liquido, è stato descritto come "l'elisir di quiete" dall'autore E. B. White. La storia delle origini di questo poema bevibile è una questione controversa, e un argomento tanto emotivo e importante quanto il modo migliore per preparare la bevanda stessa. Fin dalla sua invenzione nel XIX secolo, il Martini ha attraversato il nostro immaginario collettivo nella letteratura, nel cinema e nella canzone. Qui incontriamo i sapori del gin in una forma pura primordiale. Questo classico dei cocktail classici, questo maestro melodioso, è ulteriormente accentuato quando intrattiene la stessa HENDRICK'S GIN.


Cocktail al gin - Martini

I cocktail al gin e le loro origini sono spesso piuttosto difficili da definire. La genesi del martini immortalato non fa eccezione. C'è un'abbondanza di riferimenti a cocktail con gin, vermouth dry e bitter all'inizio del secolo sotto molti nomi diversi, nessuno dei quali era Martini. Alcuni sostengono che un barista americano di nome Jerry Thomas l'abbia inventato alla fine del 1880 in California, dove servì un sloe gin, un dolce vermouth e un cocktail bitter ai minatori locali. Altri dicono che sia stato Frank Newman a elencare un "Dry Martini" preparato con il Martini Dry vermouth nella sua guida dei bar francesi del 1904 American Bar. Alla fine, nessuno lo sa davvero. Quello che sappiamo è che è una bevanda dannatamente buona.

Prima del Novecento la parola Martini occupava un posto di rilievo nel mondo della mixology in quanto si riferiva a una bevanda mista in un bicchiere da cocktail a forma di V. Questo è fino a quando cocktail è diventato il termine generico per le bevande miste negli ultimi centoventi anni.

Per tutto il corso del Novecento la ricetta ha rimbalzato tra gin o vodka mescolati a misure oscillanti di vermouth dry. Guarnizioni tipiche sono le olive, un tocco di limone o, se stai davvero vivendo la vita al limite, entrambe.

Alla richiesta di consigli su come fare un martini suggeriamo di concentrarsi sugli abbinamenti. Assicurati di abbinare un gin e un vermouth con prodotti botanici gratuiti. Scegliere le giuste proporzioni di gin e vermouth, incorporare una sufficiente diluizione attraverso l'agitazione e servirlo alla giusta temperatura (ghiacciato) differenziano un ottimo Martini da uno standard di palude.


Abbattere gli elementi: cosa rende il Gin Martini perfetto

"È un classico intramontabile", afferma Matty Opai, direttore del bar del gioiello sulla spiaggia di Bondi, Icebergs. “È un buon [aperitivo], oltre che un buon digestivo a fine serata. Non puoi davvero sbagliare con uno spirito freddo, secondo me.

Potrebbe non esserci molto nel Martini in termini di ingredienti appariscenti - solo gin o vodka e vermouth, oltre alla possibilità di olive per renderlo sporco o un altro contorno - ma questo fa parte di ciò che ha mantenuto la bevanda aerodinamica così adattabile nel corso degli anni.

"Sono molto semplici, ma hanno un'eleganza", dice Opai. "Le persone si sentono bene a bere questo liquido bellissimo e cristallino."

Aiuta anche a giocare bene con tutto, dal punto di vista alimentare. Per quanto riguarda il dibattito "scosso o agitato" scatenato dai film di Bond, Opai ha un'opinione precisa su quel fronte.

"Shaken era molto tipico di James Bond: l'immagine del barista in smoking con uno shaker", dice. “Ma per quanto riguarda la preparazione di un buon drink, agitare eccessivamente la diluisce. Mescolandoli, puoi controllare meglio la diluizione e la temperatura.

Opai lo saprebbe, avendo supervisionato il famoso servizio di trolley Martini di Icebergs. Debuttando alla festa annuale di Capodanno del ristorante, che quest'anno si è manifestata come un lungo pranzo a prova di Covid piuttosto che la solita festa da ballo, l'esperienza del carrello diretto al tavolo offre il gin Tanqueray No. Ten London Dry o la vodka Ketel One, con l'ulteriore vantaggio di una prestazione di servizio da ricordare.

Anziché mescolare con uno strumento di metallo come un cucchiaio, la bevanda viene fatta roteare a mano dal cameriere in stile europeo, utilizzando un recipiente di vetro soffiato su misura progettato dall'artista locale Brian Hirst, completo di rientranze integrate per le dita e pollice. Progettato con una speciale presa a pizzico per la dimensione della mano di ogni barista, il bicchiere è un po' più spesso nei punti di contatto. Ciò impedisce il trasferimento di calore dalla mano e l'accelerazione della diluizione del ghiaccio.

"È uno spettacolo davvero bello", dice Opai. “C'è meno sollecitazione, il cucchiaio non è nella bevanda. Usiamo un ottimo ghiaccio della Bare Bones Ice Company che viene tagliato spesso e si diluisce lentamente, in modo da ottenere una bevanda davvero bella e fredda che ha ancora un po' di bruciatura residua dall'alcol.

Ruotando con l'azione del solo polso, si ottiene molta meno interferenza con gli spiriti in mostra - in questo caso, le note agrumate stratificate (dalle arance fresche ai lime) di Tanqueray No. Ten, che è progettato per elevare i prodotti botanici distintivi di Tanqueray.

"Ha una grande componente di pompelmo e camomilla", afferma Opai.

Icebergs si appoggia a questo, aggiungendo una goccia di bitter al pompelmo al Martini. I clienti possono anche richiedere un leggero spruzzo di una tintura di pompelmo o camomilla fatta in casa sul vetro per aggiungere sfumature.

Per quanto riguarda la quantità di vermouth, dipende dalle preferenze personali.

"Se ordinano un Martini per la prima o la seconda volta, lo ordineranno secco", afferma Opai. Personalmente, gli piace iniziare la serata con un Martini secco prima dei pasti e poi optare per più vermouth più tardi nella notte per aiutare a modulare la gradazione alcolica e rendere il sorso più leggero e floreale.

All'Icebergs, il team utilizza il vermouth secco o rosé Belsazar, tenendo presente che i due ingredienti chiave del Martini non hanno nulla dietro cui nascondersi.

"Ottieni la qualità che stai cercando", afferma Opai, "senza sovraccaricare le cose con troppi prodotti botanici e additivi quando mescoli una bevanda pura come un Martini".

Questo ci riporta al consiglio più prezioso quando si tratta di questo classico piccolo numero: onorare e sostenere gli spiriti individuali, ma mai sopraffarli. Fallo e otterrai l'essenza della bevanda, indipendentemente da come preferisci mescolarla o servirla.

Come ci ricorda Opai: "Lo spirito è l'eroe di ogni Martini".

Questo articolo è prodotto da Foglio di giornale in collaborazione con Tanqueray No. Ten. Si prega di bere responsabilmente.


Ingredienti

30 ml Gin
1½ cucchiaino liquore ai fiori di sambuco
1½ cucchiaino liquore alla rosa
15 ml (1 cucchiaio) L&G (vedi ricetta sotto)
25 ml succo di mela
cubetti di ghiaccio
100 ml Schiuma di lavanda (vedi sotto)
fetta di cetriolo, per guarnire

Gin Martini Cocktail – FAQ

Come si chiama un gin martini?

Ricetta Dry Martini all'International Bartenders Association. Il Martini è un cocktail a base di gin e vermouth e guarnito con un'oliva o un twist di limone. Nel corso degli anni, il martini è diventato una delle bevande alcoliche miste più conosciute.

Cos'è un cocktail gin martini con un tocco in più?

Versare il gin e il vermouth dry in uno shaker con ghiaccio. Mescolare bene, quindi filtrare in una coppetta Martini ben fredda. Sbucciare la scorza di limone e guarnire arrotolandola a spirale perfetta.

Cos'è un martini sporco?

Martini sporco. Il martini sporco diventa sporco sostituendo l'oliva e il suo succo con una bacca di cappero e salamoia. Uno dei cocktail più famosi in circolazione, il martini ha innumerevoli varianti. Alcuni sono abomini mentre altri sono scelte di vita.

Cosa c'è di meglio gin o vodka martini?

A seconda della base scelta, il tuo martini avrà un sapore diverso. La scelta più tradizionale, il gin, offre un sapore botanico complesso. Mentre la vodka, d'altra parte, conferisce al martini un gusto più morbido e moderno. Dipende davvero dalle preferenze personali

Come si ordina un gin martini?

“Se vuoi un Gin Martini con cipolla, si chiama Gibson. La guarnizione su un Martini ha lo scopo di migliorare o caratterizzare l'aspetto che ti piace di più del gin o della vodka e del vermouth. Se ti piace il salato, opta per l'oliva o la cipolla. Se vuoi far risaltare le luminose note agrumate o floreali, prova una svolta.

Quanti bicchierini di gin ci sono in un martini?

Metti 3 o 4 cubetti di ghiaccio in uno shaker per martini. Versa 3 bicchierini di Vodka o Gin nel frullato

Il vermouth è necessario in un martini?

Sì, vermouth, in un rapporto di quattro a uno. Vedete, per meritare il nome un cocktail dovrebbe contenere almeno tre ingredienti. Il classico cocktail Martini prevedeva lo spirito carico di ginepro, un po' di vermouth secco e un po' di prodotti: olive, scorza di limone o forse una cipolla perlata (nota come Gibson).

Perché si chiama Dirty Martini?

Il classico martini, che contiene gin e vermouth dry, è molto pulito, secco e aromatico. Il colore della bevanda è chiaro come un ruscello di montagna perché utilizza solo liquori di colore chiaro. Il risultato è che hai sporcato il martini, da cui il nome, Dirty Martini. Puoi fare lo stesso con un vodka martini.


I nostri migliori cocktail al gin per più di un semplice Martini

Laura Sant

Con un sapore che va dall'erbaceo al floreale al fruttato, adoriamo il gin croccante e amaro. Il suo sapore meravigliosamente complesso può stare da solo e può essere abbinato a un'ampia varietà di ingredienti. Quando si tratta di cocktail eleganti e raffinati, il martini avrà sempre un posto tra i grandi. Nella sua forma più elementare, questo cocktail classico è semplicemente una miscela di gin e vermouth dry. La nostra ricetta dry martini utilizza parti uguali di gin e vermouth e aggiunge bitter all'arancia e un tocco d'arancia per guarnire. Mentre la maggior parte dei martini sono pesanti come gin o contengono parti uguali di gin e vermouth, il nostro martini capovolto mescola gin e vermouth in un rapporto 1:2.

Uno dei cocktail più rinfrescanti in circolazione è il gin tonic sempre riffable. Gli ingredienti necessari sono gin e bitter, acqua tonica al chinino. Come un martini, c'è molto spazio per la variazione. Los Gintonic è un forte gin tonic spagnolo a base di tonico al limone amaro. Se ti senti ambizioso, eleva il tuo gin tonic creando la tua acqua tonica. Per il più delizioso dei cocktail primaverili, abbina la frutta di stagione al gin, le cui note erbacee possono resistere a sapori aspri e dolci. In The Merchant's Wife, il gin lavora con Aperol e succo di limone per evitare che il succo di anguria diventi stucchevole. In autunno il gin ravviva il nostro Collins di pera autunnale al profumo di rosmarino.

Dai cocktail classici alle creazioni innovative, abbiamo raccolto le nostre ricette preferite di cocktail al gin da agitare e mescolare oggi.

Gin Campari Sour

Gin, Campari e limone sono tre ingredienti che si abbinano magnificamente, ma tutti hanno i loro spigoli vivi. L'aggiunta di un albume aiuta ad addolcire e integrare questi sapori senza attenuarli, contribuendo anche a una consistenza setosa e un'opacità che è piuttosto elegante in una bevanda dai colori vivaci. Scopri la ricetta del Gin Campari Sour »

Carolina Blues Cocktail di mirtilli

Un cocktail lungo e rinfrescante, il Carolina Blues segue il classico progetto di Tom Collins, scambiando semplice sciroppo con arbusto, soda per prosecco e succo di limone per lime. L'arbusto di mirtilli in questa ricetta è in realtà la salsa barbecue ai mirtilli dello chef Vivian Howard della Carolina del Nord, che usa per glassare il pollo, ma il suo trucco è abbastanza simile a un arbusto da poter svolgere il doppio compito. Scopri la ricetta del Carolina Blues Blueberry Cocktail »

Gin: le ginocchia d'ape

La frase "le ginocchia dell'ape" era usata ai tempi del proibizionismo come slang per significare "il migliore". Questo cocktail, un gin sour che si credeva fosse stato creato in quel periodo, usava limone e miele per mascherare l'odore aspro del gin da bagno. Se il tuo ospite vuole qualcosa di rinfrescante con il gin, non cercare oltre. Scopri la ricetta del cocktail Bee’s Knee’s »

Sciocchi che soffrono

50 e la mente di Alder Kevin Denton si ispira al Suffering Bastard, un cocktail classico sviluppato al Cairo durante la seconda guerra mondiale. Ottieni la ricetta per i pazzi che soffrono »

Martinez

Nel 1880, l'Old Tom gin, uno stile con un po' più di dolcezza rispetto al London dry, stava appena iniziando a guadagnare popolarità in America. Questa è la bevanda che lo ha messo sopra le righe. Ottieni la ricetta per Martinez »

L'ultima parola

Parti uguali di gin, chartreuse, liquore al maraschino e succo di lime fresco, questo è un cocktail vecchio stile che sembra terribilmente moderno. I suoi ingredienti equamente proporzionati facilitano la scalatura: mescola un lotto triplo o quadruplo per servire più bevitori contemporaneamente. Ottieni la ricetta per L'ultima parola » Beth Dixon, barista del Pasture di Richmond, in Virginia, descrive questo cocktail divertente come il figlio d'amore di un Mai Tai e di un Negroni. Ottieni la ricetta per Bermuda Hundred »

Gimlet per lavello da cucina da giardino

Questo cocktail alcolico di gin consuma un'abbondanza di menta, cetriolo e more: è l'estate in un highball. Ottieni la ricetta per Gimlet per lavello da cucina da giardino »

Sakura Martini

Kenta Goto, originario di Tokyo, del Bar Goto di New York City, ha elevato il saketini un tempo diffamato a uno stato di eleganza floreale mescolando il gin di Plymouth con il sake Junmai invecchiato in quercia, il liquore al maraschino e i fiori di ciliegio salati. Scopri la ricetta del Sakura Martini »

Spacca Gallagher

Per questo aggiornamento estivo, Eric Johnson di Sycamore Den a San Diego prepara uno sciroppo con anguria matura e zucchero, quindi lo combina con sherry, gin e limone confuso. Ottieni la ricetta per Gallagher Smash »

La Verbena e la Menta

Il bar manager Jon di Pinto di Street ADL ad Adelaide, nell'Australia meridionale, combina la verbena al limone e il gin per un cocktail estivo fresco e rinfrescante. Ottieni la ricetta per La Verbena e Menta »

308 Pesche

Un cucchiaino di yogurt aggiunge un tocco sottile a questa bevanda estiva alla pesca di Alexis Soler e Ben Clemons del Bar 308 a Nashville, nel Tennessee. Ottieni la ricetta per 308 Pesche »

Il giardiniere

Il barista Joe Petersen del ristorante Percy di Seattle arricchisce questo cocktail verdeggiante con una "tintura immunitaria". Scopri la ricetta per The Gardener »

Veloce come un coniglio

Giocando con il classico gin tonic, il barista Stuart Jensen del ristorante Mercantile di Denver aggiunge acquavite e marmellata al gusto di cumino a questa versione verde. Ottieni la ricetta per Veloce come un coniglio »

Il pisello di Poddington

I piselli potrebbero sembrare fuori luogo in un drink, ma la loro dolcezza vegetale è perfetta per questo cocktail al basilico-gin. Ottieni la ricetta per The Poddington Pea

99 problemi ma un'erba non lo è

Gin, citronella, zenzero e lime kaffir si combinano in questo cocktail salato di Alex Straus di LA’s E.P. & L.P., che lo ha creato per completare i piatti più piccanti del ristorante.

Ninfea

La crème de violette aggiunge dolcezza e un irresistibile colore viola a un mix aspro di gin, succo di limone e triple sec in un cocktail a base di uno del bar di Manhattan PDT. Ottieni la ricetta per Ninfea >>

Conquistatore

Conquistador Gin e Tonic

Masala Martini

Cumino e sale aggiungono un sapore pungente a questo tocco di gin su un gimlet dello chef Manish Mehrotra del ristorante Indian Accent di New Delhi, situato nel boutique hotel The Manor nel quartiere di Friends Colony di New Delhi.

Madreperla

Vivace e aromatico, il sedano aromatizza questa gustosa variazione di gin tonic in tre modi: in un bordo salato, nell'amaro e nella guarnizione. Una fronda di finocchio aggiunge un ulteriore strato di profumo alla bevanda. Ottieni la ricetta della Madreperla »

Regina Victoria Tonic

Questo highball utilizza un tonico fatto in casa infuso con radice di iris al gusto di lampone e grani di paradiso fioriti e pepati per completare il profilo aromatico specifico del gin Bombay Sapphire.

Plymouth Gin Tonic

Fragole dolci e piccanti in grani di pepe danno un tocco fruttato al classico gin tonic. Ottieni la ricetta del Plymouth Gin Tonic »

Los Gintonic

Il vermouth aggiunge carattere a questo riff americano sull'elaborato gin tonic in stile spagnolo, mentre un'acqua tonica aromatizzata con limone amaro bilancia la dolcezza del vino aromatizzato. Il gin dalla forza marina resiste a entrambi. Ottieni la ricetta per Los Gintonic »

Negroni

Questo cocktail classico non potrebbe essere più semplice: contiene semplicemente gin, Campari e vermouth dolce.

Dill Gin e Tonic

Il gin di forza marina aggiunge potenza esplosiva a bevande come questo riff sul gin tonic, che è addizionato di succo di sottaceti all'aneto e guarnito con foglie di verbena agrumata.

Tonico per codici a barre

L'acqua tonica trae la sua amarezza dal chinino, una sostanza purificata derivata dalla corteccia dell'albero di china. Abbinato al gin, l'acqua tonica è uno dei cocktail più rinfrescanti dell'estate. Al Bar Code di Bellevue, Washington, il gin tonic è prodotto in un modo unico: il gin stesso è infuso con corteccia di china, agrumi e altri aromi. Quindi, anziché tonico, viene aggiunta acqua gassata per preparare la bevanda.

Fantastica confusione

Un rinfrescante matrimonio tra un Tom Collins e un Dark n’ Stormy, questo cocktail di gin speziato con lime e zenzero ha un intrigante sottofondo erbaceo grazie all'Amaro Abano, un piccante digestivo italiano con note di arancia amara, cardamomo e pepe bianco. Ottieni la ricetta per Cool Confusion »

Gin e tonico definitivo

La moglie del mercante

Un brillante mix di anguria, gin, Aperol, succo di limone e una spruzzata di soda club, questo cocktail dello Stella Rosa Pizza Bar di Santa Monica evita le normali insidie ​​dei cocktail a base di anguria, che tendono a virare verso l'eccessiva dolcezza. Ben bilanciato e piacevolmente effervescente, la lieve astringenza dell'Aperol richiama la dolcezza del melone e riaccende il gin, elevando questo cocktail dai colori vivaci alle vette della raffinatezza.

Il Charleston Fizz

Il sapore floreale del gin è un abbinamento naturale per il pompelmo brillante e il liquore ai fiori di sambuco in un cocktail rinfrescante. Il dragoncello fresco aggiunge una nota aromatica e pepata di anice.

Sinfonia di gin dolce

Questo vivace punch a base di gin cattura complessi sapori stagionali con strati di agrumi, menta e anice grazie a un risciacquo di assenzio spruzzato in ogni bicchiere. Per un tocco festivo in più, guarnire con frutta di anice stellato.

Cane salato

La vodka è lo spirito tradizionale di questa bevanda fresca e salmastra, ma il gin aggiunge una meravigliosa dimensione aromatica.

L'ultima parola

Parti uguali di gin, chartreuse, liquore al maraschino e succo di lime fresco, questo è un cocktail vecchio stile che sembra terribilmente moderno.

Gin-Gin Mule

Questa variante del Moscow Mule è fatta con gin e menta. Ottieni la ricetta per Gin-Gin Mule

Il grazioso Tony

Con una bevanda chiara e semplice come un gin tonic tradizionale, l'aggiunta di amari può trasformare l'aspetto, il sapore e l'aroma in modi deliziosi. Qui, 10 gocce di bitter Angostura aggiungono spezie brillanti a una versione di Wingtip a San Francisco.

La nuova compagnia aerea

Il fresco, delicato cetriolo e il dolce liquore ai fiori di sambuco riecheggiano le note floreali del gin in questo cocktail, servito all'Atmosphere, il bar all'ultimo piano dell'edificio più alto di Pechino. Con note di mela, lime e un po' di calore dallo zenzero fresco, ha un effetto simile a quello di una spa in un bicchiere. Ottieni la ricetta per La Nuova Compagnia Aerea

Martini vichingo

Imbottigliato nello stesso punto in Islanda, il Gin di Martin Miller, secco e secco, e il tannico liquore Björk al gusto di abete formano un ottimo duo, particolarmente abbinato con amari e un amaro alpino erbaceo in questa bevanda a strati pensata per evocare i climi nordici.

Il grande rosso

Il succo di pompelmo e lo sciroppo alla cannella apportano un equilibrio luminoso e speziato al gin dalla forza marina, una varietà con una gradazione alcolica altissima. Guarda la ricetta del Big Red »

L'assassino B

Un gioco sul classico cocktail The Bee's Knees, The Killer B è un elisir speziato di gin, succo di limone e un semplice sciroppo infuso con peperoncini tailandesi e grani di pepe bianco. Ottieni la ricetta per The Killer B »

Thandai

Il thandai indiano, tradotto letteralmente come ‘qualcosa che rinfresca’, è una bevanda a base di latte dolce e cremosa aromatizzata con noci e mescolata con spezie come cardamomo, finocchio, petali di rosa e semi di papavero. A Holi, la festa indiana dei colori, il rinfresco è tradizionalmente servito con l'aggiunta di bhaang (un derivato della marijuana). Qui abbiamo invece sostituito il gin, che accentua perfettamente i sapori di nocciola, speziati e floreali del thandai.

Cavallo e Carrozza

Il bar di New York City The Daily serve questo punch leggermente dolce ed effervescente a base di gin, preparato con camomilla e spumante. Creato dal mixologist Naren Young, è stato ispirato dai classici punch natalizi ma si adatta facilmente a qualsiasi stagione: provalo in autunno guarnito con mele, pere e bastoncini di cannella in inverno con fette di agrumi e melograno e in primavera con fiori commestibili.

Fratello James

Cardamaro al gusto di cardo e gin secco giocano con le note botaniche del vermouth, mentre il bitter al sedano aumenta l'erbacea della bevanda. Ottieni la ricetta per Fratello James »

Il reggimento Cheshire

Questa versione del French 75 utilizza una base sia di gin che di un cognac infuso al lampone.

Siciliano 75

siciliano 75

La ghiandola delle scimmie

ALTRO DA LEGGERE

I sapori meravigliosamente amari dell'India

I numerosi ingredienti tonificanti del subcontinente sono essenziali per le sue culture, cucine e medicine tradizionali e meritano un posto privilegiato nel tuo.


La ricetta perfetta del Dry Martini

Riempi un bicchiere di ghiaccio. Aggiungi 1 parte di Noilly Prat Original Dry a 2 parti di Bombay Sapphire o Grey Goose con un pizzico di bitter all'arancia. Mescolare per 20 secondi Filtrare in un classico bicchiere da cocktail. Tagliare la scorza di un limone a striscioline, attorcigliarla e distribuirla sul bicchiere e aggiungere OPPURE aggiungere una o due olive su un bastoncino. Bevi e sii molto, molto sofisticato.


Martini secco

Il Martini è il cocktail più iconico sulla faccia del pianeta. È ingannevolmente semplice nella costruzione ma difficile da padroneggiare. Qui demistifichiamo la complessità del Martini in modo che tu possa stupire i tuoi amici o semplicemente creare il miglior Martini possibile per te stesso. Fare un Martini è molto simile a cucinare una bistecca, è un affare molto personale: può essere "cucinato" in vari modi e servito con una varietà di condimenti.

Condividi con noi le tue esperienze e le immagini qui sotto o taggaci su Instagram @ginloot

Extra secco
Gin secco da 60 ml
5 ml di vermouth secco

Asciutto
Gin secco da 60 ml
10 ml di vermouth secco

Bagnato
Gin secco da 60 ml
30 ml di vermouth secco

Sporco (opzionale)
5-15ml Salamoia di olive (a piacere)

Contorno A vostra scelta (olive o scorza di limone)

Ghiaccio A cubetti (per mescolare)

Bicchiere Bicchiere da cocktail

Cucchiaio da bar in latta / vetro per mescolare
Filtro

1. Aggiungi la scelta degli ingredienti al mixing glass o allo stagno

2. Riempire con cubetti di ghiaccio e mescolare per 30-60 secondi

3. Filtrare in un bicchiere da cocktail ghiacciato

4. Guarnire con la vostra scelta

Se è la prima volta che provi un martini, inizia con il rapporto umido e vai progressivamente verso un cocktail più secco per un drink più accessibile.

I Martini devono essere ghiacciati. Assicurati che tutti i tuoi bicchieri (mixing glass e cocktail glass) siano refrigerati nel congelatore per 5 minuti prima di preparare la bevanda.

Per le guarnizioni di scorze di agrumi, taglia una monetina (della dimensione di un pezzo 5c-10c) in modo che il sapore non sopraffà la delicatezza del gin.


Pre-raffreddare il bicchiere. Suggeriamo un classico bicchiere da cocktail 'coupette'.

Anche pre-raffreddare la caraffa in modo che tutto sia bello e freddo. La temperatura è la chiave per un ottimo Martini!

Versa 60 ml di gin al pompelmo luppolato Kraft nella tua caraffa pre-raffreddata.

Aggiungere 10 ml di Vermouth Dry classico nella caraffa.

Fate raffreddare il tutto e date una mescolata.

L'importante è provarlo mentre lo mescoli. Provalo sul dorso della mano dove il gusto è neutro. Quando senti che il liquido sta bruciando, devi mescolare di più. Quando diventa acquoso, devi smettere di mescolare.

Una volta che lo spirito si è addolcito e sei felice, devi filtrare il liquido dalla caraffa nel bicchiere da cocktail pre-raffreddato.

Consiglio: versalo nel bicchiere da un'altezza massima per dare un po' di aerazione al liquido (inoltre, il teatro è impressionante!)

Ultimo ma non meno importante, aggiungi una scorza di pompelmo rosa piccante alla bevanda per guarnire. Suggerimento: spremere la buccia sul bicchiere in modo che gli oli di agrumi si fondano nel liquido per un gusto più piccante.

Siediti e goditi il ​​tuo Dry Gin Martini!


Guarda il video: Classic Dry Gin Martini Cocktail Recipe (Agosto 2022).